- Movimento Nazionalista (schierato in difesa della monarchia, chiesa, esercito, aristocrazia): Antisocialista.
- Scopo della Repubblica: raggiungere una alfabetizzazione minima per avere una forza lavoro efficiente (senza rischiare di travolgere le elite). Nacquero anche i club per attività sportive, lezioni di dizione, visite e musei, etc....
- 1884: furono legalizzati i sindacati. Lo stato però era ostile nei confronti dei sindacati nel settore pubblico cioè ferrovieri, dipendenti delle poste, insegnanti per questioni di scioperi. Gli scioperi vennero risolti attraverso negoziati; tra datori di lavoro e sindacati. Nelle città gli operai vivevano in appartamenti a 1 o 2 locali. Gli affitti erano molto alti a Parigi.
Le famiglie iniziarono ad avere meno figli e a sperare che il sistema scolastico migliorasse la situazione dei propri figli.
Dopo la comune il socialismo conobbe una certa stasi. Negli stabilimenti era modesto il numero dei loro trovatori che aderiva al sindacato.

- Guesde: organizzò una politica al di fuori degli stabilimenti e riuscì a coinvolgere più fabbriche tessili. I marxisti trovarono terreno soprattutto nel Nord. I muratori seppero far uso della legge del 1884, loro leader fu Basly: riuscirono ad ottenere le pensioni e nel 1900 la giornata lavorativa di 8 ore. I falegnami erano aperti alle idee di sinistra. Vi erano diversità sociologiche fra i lavoratori.
- 1890: si prevedeva il crollo del capitalismo, i socialisti iniziarono ad ottenere vittorie alle elezioni. I deputati sentirono di dover far qualcosa per i loro elettori: asili, mense scolastiche per la città, bagni pubblici e parchi.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email