I movimenti di opposizione alla restaurazione: liberali e società segrete


Si forma il pensiero liberale e risorge l'eredità giacobina e democratica. A partire da questo momento i sostenitori dell'opinione pubblica e della superiorità morale e naturale della società civile sullo Stato cominciarono a chiamarci Liberali. Essi appartenevano ad una generazione nata dopo la Rivoluzione, il loro principio base è la libertà individuale, il loro programma si incentrava sulla creazione di istituzioni rappresentative, liberamente elette dalla società civile e tutelate dall'opinione pubblica tramite i suoi canali principali di espressione. Essi credevano in uno Stato in cui il potere legislativo fosse forte e l'esecutivo debole: il primo rappresentato da un Parlamento eletto su base censitaria da cittadini sufficientemente agiati e colti da poter esprimere liberamente le proprie scelte, il secondo da un governo rispettoso delle regole e controllato dal Parlamento stesso. Dal punto di vista politico, quindi, avevano la necessità di un legislativo forte ed esecutivo debole, mentre dal punto di vista economico c'era bisogno di un mercato non vincolato capace di autoregolarsi: Libero Mercato.

Nel clima repressivo e poliziesco della Restaurazione, i rivoluzionari si organizzano clandestinamente fondando società segrete come la Carboneria. La Rivoluzione francese non era stata progettata da un partito politico dotato di un preciso programma, solo una volta iniziata venne diretta da un gruppo politico, il Club dei Giacobini. Con i giacobini, nacque, una nuova figura politica, il rivoluzionario. In età napoleonica i rivoluzionari furono messi da parte dai governi instaurati dai regimi militari francesi. La politica dei governi moderati instaurati da Napoleone e l'operazione di restrizione delle libertà operata dal Congresso di Vienna sollecitarono in tutta Europa la costituzione di numerose società segrete che raccoglievano liberali e democratici anche di tendenze diverse. Fra queste emerse per importanza la Carboneria, essa forniva il supporto organizzativo ai democratici che cospiravano contro gli antichi regimi e i francesi. Vi era inoltre un'altra società segreta, forse più importante, la Massoneria. I massoni, o “liberi muratori”, riuniti in logge, erano nati con lo scopo di diffondere la cultura dei lumi e una religiosità filantropica, priva dei contenuti dogmatici delle varie religioni positive( religione istituita storicamente, contrassegnata da un proprio sistema di riti e credenze e perciò distinta dalla religione naturale, fondata invece sulla sola ragione )

Registrati via email