Ominide 50 punti

LA LUNGA GUERRA FREDDA

Nel 1947 quando si conclusero le trattative di pace per riorganizzare la convivenza delle nazioni dopo i disastri della guerra, si prospettò all' orizzonte il rischio di un nuovo conflitto : quello tra il blocco atlantico guidato dagli Stati Uniti e quello comunista guidato dall' Urss. Prendeva corpo cosi' quello scontro non armato tra Occidente capitalista e Oriente comunista che venne chiamato "guerra fredda", perchè esso non sfociò mai in una guerra aperta e dichiarata, ma fu aspro e frontale come uno scontro militare.
Furono anni di grande tensione nei quali si arrivò più di una volta a temere l' effettiva esplosione di un nuovo pericoloso conflitto mondiale.
Le grandi speranze di pace che avevano portato alla formazione della Organizzazione delle Nazioni Unite per mantenere la pace parevano così svenire.
Nella Germania federale di Partito comunista fu posto fuori legge, mentre dall' Inghilterra alla Francia, all' Italia, la lotta al comunismo divenne l' obbiettivo principale dei governi conservatori, che si successero per tutti gli anni 50 . Con metodi molto più brutali lavorava la polizia segreta nei paesi del blocco sovietico che erano retti da regimi totalitari. Nei paesi che si trovavano sotto l' influenza sovietica , questo atteggiamento non colpì solo i protagonisti della vita politica, sociale e culturale : chiunque fosse anche solo sospettato di esprimere posizioni contrarie al ragime e favorevoli all' Occidente, veniva incarcerato o internato nei gulag, campi di lavoro forzato.
La guerra fredda comportò un febrile ricorso agli armamenti , soprattutto da parte delle due grandi potenze. Inizialmente solo gli Stati Uniti disponevano di arme atomiche ; dal 1949, con una rapida rincorsa , anche l' Urss si munì della micidiale arma , colmando in tal modo il divario che la separava dall' antagonista americano.
Lo scontro che assunse la maggior rilevanza internazionale in quegli anni fu quello che coinvolse la penisola della Corea. La Corea, diventata indipendente dal Giappone nel 1945, fu occupata dall' Unione Sovietica e dagli Stati Uniti che nel 1948 vi istituirono la Repubblica popolare comunista e la Repubblica democratica.
Nel 1950 scoppiò una guerra tra le due Coree, scatenata verso sud dalle truppe nord-coreane. Il conflitto si concluse nel 1953 con un armistizio che riportò il paese in una situazione simile a quella precedente lo scoppio delle ostilità, che tuttavia avevano lasciato sul campo oltre un milione di morti.

L' EUROPA OCCIDENTALE SCEGLIE LA VIA DELLA COOPERAZIONE

Nell' Europa occidentale iniziò un periodo di ripresa economica nel quale ripresero vigore i traffici e i commerci tra le nazioni. Dopo anni di contrapposizioni, inziava lentamente una fase di sviluppo economico che portava gli stati europei a una crescente cooperazione.
Grazie alla politica di walfare state, introdotta dal governo laburista, furono estesi alla maggioranza della popolazione diritti fondamentali, come l' assistenza sanitaria o il diritto all' istuzione, che prima erano solo privilegio di pochi.
La prima forma di cooperazione attuata fu la Comunita europea del carbone e dell' acciaio (Ceca) . Essa nacqe nel 1953 per scongiurare l' eventuale insorgere di un nuovo conflitto franco-tedesco e per la necessità di consolidare la ricostruzione economica dell' europa Occidentale .
Nel 1957 naque la Comunità economica Europea (Cee) . La principale funzione della Cee fu quella di coordinare e promuovere le iniziative comuni fra gli stati membri. La maggior realizzazione della Cee fu il Mercato comune Europeo (Mec) , che abolì le dogane tra gli stati della Cee, che definì una politica agricola comune e sancì la libera circolazione dei cittadini appartenenti ai singoli stati membri in tutti i paesi comunitari .
Sempre nel 1957 venne istituito un nuovo organismo comunitario, la Comunità europea per l' energia atomica (Ceea o Euratom). Con questo accordo si favorì l' attività di ricerca per l' uso pacifico dell' energia nucleare, da attuare mediante programmi quinquennali.
Nel 1989, con la caduta del muro di Berlino, sono caduti anche i paesi con regime comunista, l' URSS è diventata la Russia è la Lettonia, Estonia, Lituania, si sono resi indipendenti.
Gli accordi di disarmo sono avvenuti tra i due presidenti, Gorbaciow e Regan. Le conseguenze sono state che la Russia si è indebolita militarmente e politicamente mentre gli Stati Uniti sono rimasti l' unica potenza mondiale incontrastata.

Registrati via email