almadj di almadj
Ominide 60 punti

La Crisi Del 1929

In questo periodo abbiamo una grave crisi economica,dovuta soprattutto all’adozione da parte dell’America di una politica fondata sul Protezionismo.
Da qui la nascita di nuove Industrie.
Ma cosa fondamentale è che i vari Paesi facevano commercio solo nei Propri Territori.
Quasi tutti i settori vivevano di alti e bassi.
Ma una delle cause più significative di questa Crisi, fu data proprio dalla ricchezza degli Stati Uniti, dove le banche, possedendo grandi quantità di denaro,concedevano facilmente prestiti ai loro clienti,che perlopiù acquistavano azioni, facendo salire di conseguenza lo stesso prezzo,però man mano si andò a formare la Bolla Speculativa,e subito dopo ci fu il crollo,questo poiché gli acquirenti incominciarono a vendere le azioni,per guadagnare rispetto all’aumento dello stesso valore,ma questa volta fu il contrario,i valori si abbassarono al livello minimo,e così ci fu il Famoso Crollo Di Wall Street.

Molte banche fallirono,la produzione industriale di dimezzò,molti imprenditori andarono in rovina,ci fu un periodo di grande disoccupazione.
A questa crisi seguì la Grande Depressione,differente per tempo,infatti la crisi fu breve,mentre la depressione fu più o meno lunga.
Ci fu inoltre una forte critica al Liberalismo Assoluto.
Personaggio importante in questo periodo fu Keynes,il quale affermò che lo stato doveva non solo intervenire per ridurre la disoccupazione,ma doveva concedere anche crediti a basso interesse,e non solo,voleva anche ampliare il mercato interno.
Alle elezioni del 1932 Hoover(presidente repubblicano durante la crisi)fu sconfitto dal Democratico Roosevelt.
A questo punto Roosevelt attuò un programma di ripresa,come per esempio,fu ridotta la disoccupazione,nel campo agricolo furono rialzati i prezzi,tutti questi movimenti furono chiusi in unico nuovo piano economico,il New Deal,il quale ebbe anche delle complicanze,la più importante ricordata con il nome di Dust bowl,nel quale i coltivatori furono costretti ad abbandonare le proprie terre a causa delle varie tempeste di sabbia o a causa della forte siccità.
Un grande impegno fu quello di inserire un sistema di pensioni per la vecchiaia e per l’invalidità.
Si può dire inoltre che il New Deal ebbe il sostegno da parte di molti intellettuali.
Fondamentale,nemmeno il New Deal pose fine alla crisi,ne alleviò solamente le conseguenze,la definitiva uscita dalla crisi ci fu con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale.

Crisi Nei Vari Paesi:
Francia:”effetti crisi molto scarsi,pochi finanziamenti,buon commercio interno”

Germania:”effetti crisi molto forti,molti finanziamenti,chiusura fabbriche”
Gran Bretagna:”effetti crisi sugli scambi commerciali,disoccupazione,alleviati dal commercio interno”
America Latina:”anni venti eccellenti,1929 grave crisi,perdita di denaro per potersi continuare a sviluppare”
Italia:”effetti crisi bassi”
Unione Sovietica:”effetti crisi inesistenti,isolamento dal mercato internazionale”

Dopo questo periodo si cercò di attuare una forma di Autarchia,facile da raggiungere per i paesi come Francia e Gran Bretagna,difficile invece per l’Italia che scarseggiava di materie prime.
Per risollevare l’economia in Italia furono attuati due strumenti:
1°Istituto mobiliare italiano: …il quale si occupava di finanziamenti all’industria…
2°Istituto per la ricostruzione industriale: …il quale si occupava di assumere la gestione delle aziende in cui partecipava lo stato con le azioni…

Registrati via email