Erectus 630 punti

La Prima Guerra Mondiale
Il 28 giugno 1014 l’arciduca Francesco Ferdinando viene ucciso da un terrorista serbo.
Francesco Ferdinando è il nipote di Francesco Giuseppe.
L’imperatore Francesco Giuseppe ritenne il Regno di Serbia l’unico responsabile, cosi dopo aver avuto l’approvazione del Kaiser dichiarò guerra alla Serbia.
Cosi più tardi Nicola II ordinò la mobilitazione generale, ed era l’atto che precedeva una dichiarazione di guerra.
Così dopo pochi giorni anche Guglielmo II mobilitò le sue forze armate, e anche la Francia ordinò di chiamare alle armi i soldati.
Dopo poco anche l’Impero ottomano si schierò al fianco della Germania.
Il 5 agosto 1914 scoppiò ufficialmente la prima guerra mondiale, dove c’era la Triplice Intesa e le potenze della Triplice Alleanza.
L’Italia era neutrale.

Imperi centrali: Austria, Germania, Impero Ottomano
Alleati: Gran Bretagna, Francia, Russia.
In Europa ci fu il patriottismo che colpi anche i proletari iscritti ai partiti socialisti. Tutti erano convinti che sarebbe stata una guerra-lampo cioè una guerra che si sarebbe risolta in una grande battaglia.
Il 6 agosto i tedeschi occuparono il Belgio e pochi giorni entrarono in Francia, e li fecero la battaglia della Marna che segnò la fine della guerra-lampo.
E da allora si trasformò in una guerra di trincea dove c’erano brevi ma micidiali scontri quotidiani.

L’Italia era neutrale e gli alleati gli promisero, a guerra finita, il Trentino, l’Alto Adige, l’Istria e il protettorato sull’Albania.
Votare la guerra secondo lo Statuto Albertino toccava al Parlamento, ma sapendo che i parlamentari avrebbero votato a favore della neutralità; il re Vittorio Emanuele III obbligarono illegalmente la Camera ad affidare i pieni poteri al governo. Cosi il 24 maggio 1915 dichiararono guerra all’Austria.
Il comando venne affidato a Cadorna che aveva il compito di creare un Fronte Italiano ai confini con l’Austria e di cacciare gli Austriaci di là dalle Alpi.
Nel 1916 conquistarono Gorizia.
Ma nel 1917 furono attaccate dall’esercito austriaco che li sfondo a caporetto.
E Cadorna diede la colpa ai suoi soldati.
Il generale Cadorna fu sostituito da Armando Diaz.
Diaz risollevò il morale dell’esercito, cosi i fanti-contadini capirono di difendere la patria.
Diaz disse che dopo la vittoria il governo avrebbe distribuito i latifondi e delle terre incolte ai braccianti; e cosi la linea del Piave fu difesa valorosamente.

La Turchia entrò in guerra nella speranza che gli Imperi Centrali l’aiutassero a mantenere i suoi possedimenti in Asia.
Il Giappone si schierò con gli alleati allo scopo di togliere alla Germania le sue colonie in Oriente.

In Russia scoppiò una grande rivoluzione condotta dai bolscevichi che decisero di ritirarsi dalla guerra.

Gli Americani uniti con gli Inglesi attaccarono o tedeschi che li costrinsero a sgombrare la Francia e il Belgio.

Registrati via email