Ominide 1131 punti

India: centralità del mito di Gandhi, quando siamo al dunque dell’indipendenza è quella della presenza di una grossa quantità di musulmani. Quindi quando ottiene l’indipendenza sorgono a dire il vero due stati: l’India a maggioranza hindu e il Pakistan a maggioranza musulmana. C’è il problema delle minoranze, e il Pakistan occidentale e il Pakistan orientale si divideranno, e quest’ultimo prenderà il nome di Bangladesh. Con la nascita dei due stati ci sono persone che fuggono da una parte e altri dall’altra il risultato è che ci sono molte morti. Ci sono degli hindu che non si sentono al sicuro nella zona musulmana, o il contrario, questo però crea dei problemi, degli scontri. Questo fa si che ci siano delle tensioni, migliaia di profughi scacciati dall’India se musulmani o dal Pakistan se hindu, e Gandhi, proclamatore della non violenza che si adoperò per portare la pace tra le sue fazioni, fu ucciso da un estremista hindu nel 1948. Gandhi fu anche una figura importante, indiscusso protagonista per l’indipendenza dell’India. Chi guiderà l’India sarà Nehru (braccio destro di Gandhi), primo ministro dal 1947 al 1964. L’India, grazie al suo aiuto, riuscì a rimanere unita (nonostante si fossero formati circa 550 piccoli stati governati da principi locali) e a mantenere una Costituzione democratica. E a seguito di Nehru, ci fu sua figlia Indira Gandhi (ha preso il nome dal marito, che non è parentato con Mahatma Gandhi).

Vietnam: P 608 Alla fine della guerra viene proclamata l’indipendenza del Vietnam da Ho Chi Minh, il capo del partito comunista del Nord Vietnam. Il partito comunista era già sorto negli anni 20 nel Nord Vietnam. Invece il sud continua ad essere controllato dai francesi, finché si arriva ad uno scontro nel ’54 tra Nord e Sud. In questo anno i francesi sono sconfitti nella battaglia di Dien Bien Phu. Il generale che guida le truppe nordvietnamite è il generale Giap (nato nel 1912, non è ancora morto forse). Nel ’54 a Ginevra i francesi firmano la pace/l’armistizio. Essa non viene riconosciuta dagli Americani che intervengono ne Vietnam del Sud. Quindi nel Nord c’è un regime comunista guidato da Ho Chi Minh, a sud uno stato appoggiato dagli stati uniti che non riconoscono gli accordi di Ginevra.

Registrati via email