Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Secondo Dopoguerra (4)

Appunto sull'assetto mondiale nel Secondo Dopoguerra

E io lo dico a Skuola.net
Assetto mondiale dopo la Seconda Guerra Mondiale
L’O.N.U.
La II guerra mondiale apparve subito un disastro di proporzioni così grandi che, prima che terminasse, i responsabili politici dei paesi vincitori si riunirono a Yalta nel febbraio del 1945 e si accordarono per la creazione di un organismo internazionale che assicurasse la pace e la sicurezza nel mondo.
Questo organismo fu chiamato O.N.U. (Organizzazione delle Nazioni Unite) e il suo statuto, basato su una dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, fu firmato a San Francisco da 50 Stati che stabilirono la sede dell’O.N.U. a New York nel cosiddetto palazzo di vetro.

Le caratteristiche dell’O.N.U. sono:
1. è aperta a tutti gli Stati;
2. l’O.N.U. ha una forza armata pacifica chiamata caschi blu;
3. in seno all’O.N.U. l’organo esecutivo è il Consiglio di Sicurezza che ha il “diritto di veto”, in base al quale può da solo impedire che venga presa una decisione;
Gli scopi dichiarati dall’O.N.U. sono: il mantenimento della pace e della sicurezza nel mondo, la garanzia dell’eguaglianza e dell’indipendenza di tutti i popoli, lo sviluppo della cooperazione tra gli stati nel campo economico, sociale e culturale, la tutela dei diritti dell’uomo e delle sue libertà fondamentali.

La Conferenza di pace di Parigi
La seconda guerra mondiale si chiuse definitivamente la Conferenza di pace di Parigi nel 1946 nella quale furono firmati vari trattati di pace:
1. l’Italia perse Briza e Tenda, il Dodecaneso, tutte le colonie e dovette cedere alla Jugoslavia l’Istria;
2. l’Unione Sovietica, già prima della pace, si era annessa alcuni territori che prima appartenevano alla Polonia, alla Germania, in particolare Estonia, Lettonia e Lituania;
3. alla Polonia furono assegnati alcuni territori tedeschi;
4. la Germania fu divisa in quattro zone: una occupata militarmente dagli Americani, una seconda occupata dagli Inglesi, una terza dai Francesi e una quarta dai Russi. Anche la capitale Berlino, che si trovava nella zona russa, fu divisa in quattro parti.
Nel 1949 le zone occidentali occupate da Americani, Francesi e Inglesi costituirono la Repubblica Federale Tedesca (R.F.T.), con capitale Bonn; la Russia costituì nella parte orientale la Repubblica Democratica Tedesca (R.D.T.) con capitale Pankow, un sobborgo di Berlino.
5. l’Austria e l’Albania riacquistano la loro indipendenza;
6. il Giappone fu sottoposto ad occupazione militare americana;
La guerra terminò con una tensione crescente tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica.
Questa situazione portò alla divisone del Mondo in due zone:
* quella occidentale influenzata dagli Stati Uniti mentre
* quella orientale influenzata dall’Unione Sovietica.
In seguito a questa divisione i paesi occidentali ricevettero forti aiuti dagli Stati Uniti per la ricostruzione, mentre i paesi comunisti orientali furono controllati dai sovietici.
I paesi dell’Europa occidentale ricevettero molti aiuti dagli statunitensi, secondo un piano chiamato “Piano Marshall” che aveva tre obiettivi:
1. aiutare le popolazioni dell’Europa Occidentale stremate dalla guerra;
2. aiutare i grandi capitalisti europei a ricostruire le loro fabbriche distrutte;
3. aiutare i partiti anticomunisti;
Il Piano Marshall contribuì a far risorgere i paesi occidentali ed ottenne importanti risultati politici: furono sconfitti i due maggiori partiti comunisti europei.
Crebbe così la tensione tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica fino a sfociare nella guerra fredda.

La guerra fredda (1948-1956)
È detto periodo della guerra fredda perché indica il periodo di guerra non combattuta sui campi di battaglia, ma fatta di contrasti e d’odi d’ogni genere.
Dopo la guerra, con la sconfitta della Germania, i contrasti e le intolleranze crebbero molto. Sulla carta geografica fu tracciata una linea ideale che andava dal mar baltico all’adriatico e che fu chiamata da Churchill cortina di ferro, per dividere i due blocchi, quell’orientale e quell’occidentale.
AD ovest gli Stati Uniti predominavano attraverso il Piano Marshall e grazie alla creazione di vari patti difensivi, tra cui il Patto Atlantico del 1949, che legava gli Stati Uniti alla maggior parte degli Stati dei Paese Europei occidentali. All’interno del Patto Atlantico nel 1950 fu creata la NATO (Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico).
AD Est l’Unione Sovietica impose la sua influenza attraverso:
1. sistematici interventi nei paesi comunisti che furono chiamati Paesi satelliti;
2. l’eliminazione dei partiti che non fossero allineati alle direttive del governo sovietico;
3. la creazione d’organizzazione politiche come il COMINFORM e il COMECON e la sottoscrizione del Patto di Varsavia nato per creare un organismo da contrapporre alla NATO.
Agli inizi della guerra fredda Stalin venne a sapere che gli USA, la Gran Bretagna e la Francia volevano introdurre nella Germania Ovest una riforma monetaria con l’istituzione di un nuovo marco. Così fece bloccare le strade d’accesso alla parte occidentale di Berlino, la città che si trovava tutta nella parte orientale della Germania. Gli Americani, allora, decisero di creare un “Ponte aereo” per rifornire Berlino Ovest.
Sembrò quasi che si fosse sull’orlo di una nuova guerra. Solo il 12 maggio 1949 i sovietici tolsero il blocco e fu ripristinato il traffico terrestre in seguito ad un accordo la parte occidentale della Germania venne trasformata in Repubblica Federale Tedesca e la parte orientale divenne la Repubblica Democratica Tedesca.
Contenuti correlati
Oppure registrati per copiare