Medioriente

Prima guerra arabo-israeliana (1948)

Nel 1917 la dichiarazione di Balfour aveva preannunciato la creazione di un focolare ebraico in Palestina, soddisfacendo le aspirazioni del movimento sionista, ma gettando il seme della lotta tra arabi ed ebrei. Nel 1947 l’Onu approvò un progetto di spartizione della Palestina, fortemente respinto dagli arabi determinando l’intensificazione degli scontri. Nel maggio 1948, dopo l’abbandono da parte dei britannici della Palestina, sorse lo Stato d’Israele che fu attaccato dall’Egitto, dall’Iraq e dalla Transgiordania; tuttavia la prima guerra arabo-israeliana si concluse con la sconfitta degli Arabi (estensione Stato d’Israele, Transgiordania annetté la Cisgiordania e prese il nome di Giordania).

Seconda guerra arabo-israeliana (1956)

Il regime di Nasser in Egitto, affermatosi nel 1952 dopo il rovesciamento della monarchia, decretò la nazionalizzazione della Compagnia del Canale di Suez; israeliani, inglesi e francesi attaccarono l’Egitto ma, a seguito della condanna da parte di Usa e Urss, furono costretti a ritirarsi. In questo modo crebbe il prestigio di Nasser nel mondo arabo (rif. nasserismo).

Terzo conflitto arabo-israeliano (1967)

La cosiddetta guerra dei sei giorni segnò la schiacciante vittoria di Israele contro Egitto, Giordania, Siria, cui strappò rispettivamente Sinai, Cisgiordania e alture del Golan.
Conseguenze principali furono l’umiliazione di Nasser e il terrorismo dell’Olp (organizzazione per la liberazione della Palestina: Arafat).
Quarta guerra arabo-israeliana (1973)

Condotta dal successore di Nessar, Sadat che attaccò a sorpresa, durante la festività ebraica del Kippur, con Egitto e Siria, Israele. Israele, aiutata dagli Usa, contrattaccò energicamente finché, sotto l’egida dell’Onu e la mediazione del segretario di Stato americano, si giunse a una tregua nell’ottobre 1973. Una delle conseguenze più importanti di questa guerra fu il ricorso da parte dei Paesi arabi mediorientali all’arma del petrolio: per ritorsione contro gli appoggi allo stato nemico, sospesero l’esportazione del greggio verso Occidente e verso il Giappone, determinando gravissime ripercussioni per l’economia dei Paesi interessati.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email