Ma_fack di Ma_fack
Ominide 1414 punti

In politica estera Giolitti si impegna anche nella conquista della Libia, per accontentare i conservatori. L'Italia invia così 35mila uomini sulle coste libiche e inoltre, per evitare la minaccia dell'impero ottomano, sposta la guerra sul territorio del Dodecaneso e Rodi, che occupa. L'impero ottomano viene così fermato in quanto si concentra sull'Egeo tuttavia fomenta nella popolazione libica la guerriglia armata delle popolazioni. Nel 1912 i Turchi firmano la Pace di Losanna con il quale si riconosce la sovranità italiana sulla Libia tuttavia non avviene la “disoccupazione” di Rodi come protesta per la continuazione delle guerriglie, fomentate nuovamente dai turchi.
Questa nuova conquista fu deludente in quanto il territorio non offriva nessuna risorsa (del petrolio si sarebbe saputo più avanti). La conquista libica finì inoltre per destabilizzare anche la vita interna italiana in quanto il gruppo socialista subì una frattura (gruppo riformista di destra viene espulso dal PSI). Nel partito, ora indebolito e su cui il governo giolittiano faceva appoggio, emerge la figura di Benito Mussolini che orienta l'azione del partito verso la rivoluzione. A lui viene anche affidato il giornale di partito, “L'Avanti”.

Per evitare la caduta del suo governo Giolitti si rivolse all'appoggio dei cattolici conservatori (entrati in politica a seguito di episodi come quello di Murri nel 1901 che fondò un movimento politico cattolico e democratico chiamato Democrazia Cristiana e l'episodio di Sturzo, nel sud Italia) cui faceva capo Vincenzo Gentiloni. Con questi Giolitti sancì il Patto Gentiloni con il quale otteneva la garanzia che i cattolici conservatori avrebbero sostenuto e votato la maggioranza liberale. Con le elezioni del 1913 si creò una situazione di stallo tra socialisti e liberali tuttavia Giolitti era ormai troppo condizionato dalla presenza dei conservatori nel suo esecutivo. Nel 1914 Giolitti decide così di dimettersi credendo che il nuovo governo non avrebbe retto molto e che lo avrebbero richiamato alla guida del governo. Alla presidenza del Consiglio sale Antonio Salandra, un conservatore liberale. In questo periodo vi sono numerose manifestazioni tra cui quelle della “Settimana Rossa” che provocarono proteste in tutto il paese. L'azione repressiva fu intensa. Nel Giugno del 1914 ha inizio la Prima Guerra Mondiale e Giolitti vede sfumare, a causa della portata di tale avvenimento e dello scontro fra interventisti e neutralisti, la possibilità di ritornare al governo.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email