sc1512 di sc1512
Ominide 5760 punti

-La Francia dopo la Seocnda Guerra Mondiale-

La guerra ha interrotto la continuità statuale costituzionale.
Dopo la guerra diversi partiti democratici spingono per l’elezione di un’Assemblea Costituente che scriva una nuova Costituzione.
Nel 1945 si tiene dunque una doppia elezione, alla quale per la prima volta partecipano anche le donne.
Viene eletta un’Assemblea Parlamentare.
Il corpo elettorale si esprime a favore del rinnovamento della Costituzione.
Nelle elezioni si impongono il Partito Socialista e il Partito Comunista; insieme formano un governo di coalizione presieduto da Charles De Gaulle.
La redazione della nuova Costituzione si rivela un percorso complicato; da un lato i principali partiti sono favorevoli ad un sistema parlamentare, con un presidente della Repubblica dotato di scarsi poteri; dall’altro, De Gaulle vuole un presidente dotato di ampi e forti poteri.
Constatata l’impossibilità di far prevalere il suo punto di vista, De Gaulle si dimette.

Successivamente viene eletta una seconda Assemblea Costituente.
La nuova Assemblea scrive una nuova Costituzione, che attribuisce notevoli poteri ad un Parlamento bicamerali e prevede anche un presidente della Repubblica con poteri limitati.
Un secondo referendum approva questa Costituzione.
La nuova Costituzione fonda la Quarta Repubblica francese ed era stata approvata solo dal 37.5% degli elettori, viste le divergenze politiche che frammentano l’opinione pubblica francese.
Altri due elementi contribuiscono a destabilizzare molto il quadro politico francese.
La legge per l’elezione del Parlamento è proporzionale, e così nessun partito riesce ad assicurarsi la maggioranza dei seggi, il che rende difficile la costituzione delle coalizioni che sostengono i governi, i quali, di conseguenza, hanno una stabilità e una durata limitata.
In secondo luogo, nel 1947, con il deteriorarsi delle relazioni tra paesi occidentali e Unione Sovietica, il Partito Comunista Francese è escluso dalle maggioranze di governo e da allora rimase a lungo all’opposizione.

Registrati via email