Ecole des Annales

E' una scuola di pensiero costituitasi attorno alla rivista “Annales d'histoire économique et sociale”, fondata nel 1929 dagli storici Marc Bloch e Lucien Febvre; essa intendeva promuovere uno studio della storia che accogliesse il contributo della psicologia, della sociologia, dell'economia, della politica e della geografia, in contrasto con il metodo storiografico adottato nelle università francesi, fondato sull’approccio politico-diplomatico.
L’Ecole des Annales nacque attorno a tre opere-guida, pubblicate tra il 1936 e il 1949: La società feudale di Bloch (1936), Il problema dell'incredulità nel XVI secolo: la religione di Rabelais di Febvre (1942) e Civiltà e imperi del Mediterraneo nell'età di Filippo II (1949) di Fernand Braudel. Indubbiamente l'apporto più decisivo fu quello di Bloch, che si avvalse, nella sua sintesi, di fonti mai utilizzate per lo studio dell'epoca medievale: non solo l'archeologia rurale, la linguistica e il folclore, ma anche la storia monetaria e gli archivi catastali.
Gli inizi della rivista, nata come espressione di una nuova storiografia economica, ma che cercava di ottenere un consenso più ampio nel campo della storiografia generale, proposero una scienza priva di condizionamenti, aperta alle altre discipline, capace di accogliere contributi innovativi e di rileggere la storia, dall’antichità al presente, alla luce di nuove problematiche e nuove domande.
Nel 1947, grazie al contributo di Febvre, l’Ecole des Annales ottenne la legittimazione scientifica con l’istituzione della VI sezione dell’Ecole pratique des hautes études (EPHE), che diede vita a un’importante istituzione francese di ricerca. Scomparso Febvre nel 1956, l’eredità della scuola passò a Braudel.
Gli anni Settanta segnarono ancora una svolta per l'Ecole des Annales, orientata ora a un approfondimento dello studio della storia della mentalità e della cultura.
Così l'Ecole des Annales, che al suo apparire determinò un cambiamento profondo nella riflessione storica, è diventata oggi uno degli approcci possibili per “fare storia”. Nel 1994 la rivista ha cambiato nuovamente nome in “Annales. Histoire et sciences sociales”, mostrando la capacità critica di sapersi adeguare ai cambiamenti.

Georges Duby

Lo storico medievista francese Georges Duby è stato uno dei principali promotori del rinnovamento metodologico della disciplina storica che faceva capo all'Ecole des Annales, concentrandosi in particolare sulla dimensione antropologica della ricerca storica. Fondamentali sono i suoi studi sulla mentalità e sulla vita quotidiana del Medioevo, tra i quali Lo specchio del feudalesimo. Sacerdoti, guerrieri e lavoratori (1978) e Storia della vita privata (1985-1987).

Jacques Le Goff
Prestigioso rappresentante della Ecole des Annales, fondata in Francia da Marc Bloch e Lucien Febvre, che ha costituito uno dei momenti più innovativi della storiografia novecentesca, il celebre medievista Jacques Le Goff ha applicato allo studio del periodo storico da lui privilegiato gli strumenti conoscitivi della ricerca moderna, coniugando il rigore scientifico con una divulgazione di alta qualità.

Registrati via email