Decolonizzazione Asia

L’Asia fu il primo continente ad emanciparsi: la prima tappa fu l’indipendenza dell’India.
La dominazione britannica aveva in parte distrutto il florido artigianato indiano e danneggiato l’agricoltura (a causa della sostituzione di colture industriali a quelle di sussistenza); inoltre l’esplosione demografica (raddoppiamento dei 300 milioni di abitanti nel 1978) fece precipitare il subcontinente indiano in una condizione di estrema miseria. Ma d’altra parte, la dominazione britannica modernizzò il paese; l’istituzione di scuole e università permise la formazione di una borghesia locale che avrebbe guidato la lotta per l’indipendenza.

L’indipendenza dell’India

L’India raggiunse l’indipendenza dalla Gran Bretagna anche grazie alla battaglia di Ghandi (avvocato che aveva studiato in Europa) che predicò la non violenza, ricorse alla disobbedienza civile (resistenza passiva a leggi ritenute immorali) e alla non cooperazione con i colonizzatori, riuscendo a mobilitare le masse. Alle battaglie per l’indipendenza, ottenuta nel 1947, aggiunse quella per la liquidazione del sistema delle caste. Seguirono aspri contrasti tra l’Unione indiana, a maggioranza indù, e il Pakistan, a maggioranza musulmana. Una guerra del 1971 ha portato alla trasformazione del Pakistan orientale in Repubblica indipendente.

Le guerre d’Indocina

La lotta di liberazione nazionale dell’Indocina contro i francesi si concluse nel 1954 (Conferenza di Ginevra). Il Vietnam fu diviso in due Repubbliche, delimitate dal 17° parallelo: quella del Nord, a regime comunista; quella del Sud, filo-occidentale. La crisi vietnamita fu il preludio tuttavia di un conflitto ben più grave.

Contro il governo cattolico e dittatoriale del Sud si scatenò la guerriglia comunista (Vietcong), appoggiata dal Vietnam del Nord. A partire dalla metà degli anni 60 si intensificò l’intervento militare degli Usa (sotto Johnson e Nixon) nel Vietnam del Sud.
A seguito delle critiche dell’opinione pubblica statunitense e mondiale, Nixon ritirò le truppe nel 1973 (accordo di Parigi); il governo sudvietnamita fu sconfitto da quello del Nord nel 1975.
Nel 1976 nasceva, con la riunificazione del territorio, la Repubblica comunista.
La guerra del Vietnam segnò la prima sconfitta militare degli Usa.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email