Ali Q di Ali Q
Mito 23936 punti

Cronologia dal governo Depretis alla morte di Umberto I (1876-1900)

1876. Cade la destra di Minghetti e la sinistra va al governo.

1876-1887. Governo Depretis.

1881. Fondazione del partito operaio in Italia.

1882. Riforma elettorale e dell’istruzione con il ministro Coppino. Triplice alleanza ed avventure coloniali.

1887. Sconfitta di Dogalì e svolta protezionistica.

1887-1896. Età Crispina. Crispi accentua il prestigio della nazione con il rafforzamento dei poteri dello stato ed una politica di potenza.Vengono varate riforme per l’assistenza ed il rafforzamento dell’esecutivo. Viene tolta la pena di morte.

1890. Prima colonia italiana, l’Eritrea.

1889. “Trattato di Uccialli” tra l’Italia e l’imperatore di Etiopia Menelik.

1891. Leone XIII emette l’Enciclica “De rerum novarum”. A Milano si forma la prima camera del lavoro e si costituisce in Sicilia il movimento dei “Fasci del lavoro”.

1892. Nasce il “partito dei lavoratori italiani”, che poi diventa il partito socialista, guidato da Turati.

1892-1893. Primo governo Giolitti, fautore di una politica di equilibrio. Poiché coinvolto nello scandalo della Banca Romana, è costretto a dimettersi, e al suo posto torna Crispi.

1894. Sfociano le proteste dei lavoratori. Crispi pone lo stato d’assedio, reprime le rivolte e scioglie le organizzazioni sindacali.

1896. Sconfitta di Adua e dimissioni di Crispi. Viene sostituito da Rudinì, che conclude la pace con l’Abissinia.

1898-1899. Nuove agitazioni a Milano, represse dal generale Bava-Beccaris.

1899. Il generale Pelloux, d’accordo con il re, vuole limitare le libertà fondamentali. L’opposizione fa ostruzionismo. Pelloux scioglie il parlamento e indice nuove elezioni.

1900. Il re Umberto I muore ucciso da un anarchico. Gli succede il figlio, Vittorio Emanuele III.

Registrati via email