Ominide 50 punti

Germania - la Crisi Economica e il Nazismo
Germania fu duramente colpita nella produttività, ma restava sempre una grande potenza industriale grazie soprattutto all'apporto finanziario dell’America.
La lacerazione e il contrasto tra i socialdemocratici e il partito comunista incremento fattori di debolezza della nuova democrazia.
Il Governo socialdemocratico e il Centro danno vita ad un governo di “grande coalizione”.
I Partiti sempre dominati dal particolarismo e dai conflitti; i socialdemocratici non sostengono la linea politica. Violenta fu la campagna nazionalista contro il governo, contro la politica finanziaria (sistema di assistenza disoccupati) e ci furono le prime ripercussioni della Grande Depressione. La pressione delle industrie (riversamento sui lavoratori del peso delle prime difficoltà economiche) acutizzò il contrasto tra il governo ed i sindacati.
Cambiò il cancelliere e successe Bruning ( di Centro), attuò una politica di difesa ad oltranza del marco, con un aumento delle imposte e la riduzione spesa pubblica, ma questo programma fu bocciato dal Reichstag che lo attua per decreto presidenziale e scioglie il parlamento fino alle nuove elezioni del 1930. A questo punto inizia la furiosa propaganda di destra e nazista contro i repubblicani e i democratici.

I socialdemocratici restano il più forte partito nel Reichstag; il Centro rimane costante; i comunisti avanzano. Hitler chiede a Hindenburg di tener conto del suo partito e questo sarà il primo passo per l’insediamento nazista in direzione dello Stato.
Sfilate delle S.A comandate da Rohm e lo stato di costante disordine e violenza conferirà una minore autorità del governo e screditerà il governo democratico. Si assiste alla progressiva passività di Bruning, che si dimette. Franz von Papen prende la nuova predisposizione della linea governativa per l’ingresso del nazismo nella maggioranza. I Conservatori affidano al partito nazista il compito di eliminare lo spirito eversivo (esempio Italia).
Von Papen ottiene una tregua con l’opposizione e si fanno delle nuove elezioni e la soppressione delle “misure”Adottate per contenere il terrorismo nazista. Gran successo nazista. Nel 1932 le elezioni vedono la perdita del partito nazista e le successive dimissioni di von Papen. Hindenburg dà a Hitler l’incarico di formare un nuovo governo, intanto von Papen diventa cancelliere, convinto di poter ripristinare il nazismo nella legalità. Ha inizio, così il programma di Hitler quello di distruzione di violenta completa del regime costituzionale democratico. finisce a repubblica di Weimar e tra le cause della crisi economica, dopo il crollo di Wall Street, si annota la depressione che colpì la classe operaia. Tutta la piccola borghesia fu schiacciata dalle difficoltà economiche e il governo Burning effettua politica deflazionistica: riduzione salari, aumento tasse che comporta un calo della produzione industriale e la conseguente disoccupazione.

Organizzazione del regime Nazista
Dopo un mese dall’insediamento di Hitler e una settimana prima delle elezioni un’incendio distrugge la sede del Reichstag e i nazisti accusano il partito comunista e ne approfittano per scatenare una nuova campagna di terrore e di violenza. Si ha la sospensione dei diritti dei cittadini in veste legale.
Le Elezioni del ’33 danno la maggioranza ai nazisti al parlamento, ma non è sufficiente per rovesciare la Repubblica di Weimar serve un ricatto parlamentale con minaccia di un ulteriore violenza così che Hitler acquisisce pieni poteri. Tutti i partiti politici vengono aboliti e Hitler diventa presidente della repubblica.
La preoccupazione per l’autonomia e le critiche dell’esercito verso le S.A. porta a quella che è definita anche la "notte dei lunghi coltelli in cui le S.A. sono sterminate e si assiste alla formazione delle SS sotto il comando di Himmler. le S.S. diventano il braccio armato del nazismo ed assumeranno successivamente la direzione dei campi di concentramento. La Persecuzione degli ebrei è l'elemento costante e dal’35 diviene sistematico e radicale, con le Leggi di Norimberga la minoranza ebrei in condizioni di inferiorità giuridica e civile era sottoposta ad ogni sorta di violenze che culminano nella “notte dei cristalli” distrutte le vetrine negozi, delle sinagoghe, delle abitazioni, ebree e migliaia di ebrei e ussiti furono arrestati.

Forze armate concepite in funzione di un’imminente guerra; accentramento amministrativo e politico; nuovi mezzi di comunicazione di massa, adunate e parate militari ? propaganda, slogans nazisti ed eccitamento del sentimento delle masse popolari.

Registrati via email