Ominide 50 punti

Nuova ondata di colonialismo, cause e presupposti
Nell'ultimo quarto di secolo si verifica la spartizione del mondo in possessi coloniali e zone d’influenza tra le grandi potenze. Francia, Germania, Russia, Italia, USA parteciparono alla conquista di nuovi territori, finchè il dominio coloniale esaurì le aree disponibili.
Imperialismo è la forma universale di azione politico-eco delle potenze indust o sulla via dello sviluppo capitalistico; principale manifestaz nelle conquiste coloniali o nell’assoggettamento economico di alcuni paesi ridotti a condiz di semicolonie.
Ci fu lo sconvolgimento economico, sociale, demografico e preparazione dell’entrata del 3° mondo. Sterminate regioni furono inserite nell’area della civiltà moderna nella forma della subordinazione coloniale. Il colonialismo permette a questi popoli di venire a contatto con la tecnica e la cultura dell’Europa progredita, ma lascia in eredità il problema del sottosviluppo.

L’imperialismo fu un fenomeno nuovo, strettamente legato alla fase di sviluppo capitalistico spinta dalla ricerca di nuove zone d’impiego del capitale eccedente (esportaz di capitali) e da necessità di fonti di materie prime e sbocchi di mercato. Il Dominio politico è la migliore garanzia negli immensi territori sottosviluppari; altri motivi di natura politico, economia e ideologica. La sovrappopolazione è la giustificazione della politica imperialista: 1870-1914 la popolazione dei maggiori paesi europei aumentò; ma il punto di maggior attrazione furono gli USA e la Francia ebbe un basso indice di incremento demografico. Il nuovo sistema coloniale non mutò i rapporti di lavoro delle madrepatrie: la politica imperialista, accelerando la formazione di monopoli industriali e finanziari, inasprì i contrasti econ e poli sul piano internaz e allargò la massa di manodopera disponibile. Moventi dell’espansione imperiale erano fattori politici e ideologici, onuno voleva affermare il proprio prestigio e la propria potenza politica o assicurarsi territori di importanza strategica.
La Dottrina imperialista affermava superiorità di determinate razze e nazioni nei confronti degli altri popoli, incapaci di utilizzare ricchezze dei loro paesi, le nazioni “superiori” rivendicavano il diritto di impadronirsene.
Razzismo ed esasperazione dei sentimenti nazionalisti sonole principali compenti dell’ideologia imperialista; si diffusero in tutti i paesi che potevano aspirare a inserirsi nel numero delle potenze imperialiste e vennero applicati anche ai rapporti tra queste stesse nazioni.

Registrati via email