Alex94 di Alex94
Sapiens 2332 punti

Colonialismo e imperialismo

Nella seconda metà dell’800 il colonialismo sembrava tramontato. Nel corso del secolo,però, un aumento della popolazione europea determinò una forte emigrazione non solo verso l’America, ma anche verso l’Africa,l’Asia e l’Australia. Finanzieri e banchieri ,inoltre, avevano investito nelle miniere e nelle piantagioni di altri continenti e volevano sorvegliare da vicino i loro capitali . Industriali e mercanti, a loro volta, volevano allargare i loro mercati esportando prodotti lavorati e acquistando fuori dell’Europa le materie prime. Infine, gli Europei volevano esportare la loro civiltà : ripresero così anche le esplorazioni di terre sconosciute e l’azione dei missionari cristiani. Il colonialismo si trasformò in imperialismo quando mirò sia al totale sfruttamento economico dei Paesi colonizzati, sia al loro controllo territoriale. Esso si realizzò attraverso la conquista militare di vaste zone dell’Asia e dell’Africa,la dominazione politica delle colonie e un nuovo tipo di sfruttamento economico,e non portò alcun progresso ai popoli colonizzati . Nel 1884 le grandi potenze si riunirono nel Congresso di Berlino per fissare delle regole con cui spartirsi il mondo che scatenarono subito le rivalità tra le nazioni. L’Italia,dopo aver tentato inutilmente di competere con la Francia per il controllo della Tunisia,andò alla conquista dell’Etiopia ,ma l’impresa si risolse in un disastro(1896);nel 1911 tolse all’Impero turco l Libia a prezzo di feroci massacri. Nel 1912 gli tolse anche Rodi e le isole del Dodecaneso. La conquista si rivelò però costosissima e deludente. Tra le tante azioni nefande dell’imperialismo emerge il comportamento degli Inglesi, che compravano l’argento in Cina barattandolo con l’oppio,una droga che si diffuse rapidamente riducendo la popolazione in uno stato di totale dipendenza. L’imperatore della Cina tentò di reagire muovendo guerra agli Inglesi, ma fu sconfitto nel 1842,dopo tre anni della cosiddetta Guerra dell’oppio. Negli ultimi anni dell’800 anche gli Stati Uniti e il Giappone cominciarono a seguire una politica di tipo imperialista. L’America conquistò le Isole Hawaii e le Isole Samoa ,le Filippine e Cuba. Il Giappone,che nel 1868 aveva rovesciato il sistema di tipo feudale avviando una corsa forzata all’occidentalizzazione,diventò,intorno al 1900,una grande potenza industriale e conquistò la Manciuria e la Corea.

Registrati via email