Manus di Manus
Erectus 690 punti

CAMILLO BENSO CONTE DI CAVOUR

Cavour era sempre stato affascinato dalle monarchie costituzionali europee, in particolar modo vedeva di buon occhio quella inglese. Egli era infatti un liberale moderato, voleva la garanzia della libertà dei cittadini e del mantenimento dell'ordine sociale. Era favorevole all'attuazione di riforme che fossero in grado di evitare la crisi economica. Adottò quindi una linea liberista, si preoccupò di migliorare le vie di comunicazione e di mantenere stabile il bilancio adottando la politica del libero scambio.
Primo ministro piemontese dal 1852 e personaggio di spicco dell'unificazione del territorio italiano. Nel 1854 in seguito alla vittoria nella Guerra di Crimea a fianco di Francia e Inghilterra partecipò al Congresso di Parigi grazie al quale potè entrare in contatto con le grandi potenze europee. Egli si rese conto che per ottenere le terre redente, avrebbe dovuto accordarsi con una grande potenza europea:la Francia. Il Conte stipulò infatti un accordo (Trattato di Plombiers) con Napoleone III secondo il quale, se il Piemonte fosse stato attaccato dall'Impero Austro-Ungarico la Francia sarebbe intervenuta in sua difesa. Il Piemonte però non aspettò un eventuale attacco dell'Impero Asburgico: decise di organizzare una mobilitazione che in effetti fu una vera e propria provocazione e infatti Francesco Giuseppe dichiarò guerra al regno Sabaudo. Lo stesso, a fianco della Francia riuscì a vincere e, in seguito all'armistizio di Villafranca portò sotto la sua sfera d'influenza la Lombardia mentre il Veneto rimase sotto il controllo Asburgico.

Registrati via email