Ominide 50 punti

La strategia del consenso

Il Fascismo sin da subito si adoperò per rafforzare il consenso attraverso i mezzi di telecomunicazione quali radio e giornali e attraverso le istituzioni fasciste che coinvolgevano la scuola. Tutta la popolazione, quindi, fu inquadrata nella mentalità militaristica attraverso organizzazioni, associazioni e parate pittoresche. Anche i bambini e i ragazzi furono coinvolti in questa mobilitazione, nelle due grandi organizzazioni giovanili chiamate O.N.B. (Opera Nazionale Balilla) e in seguito G.I.L. (Gioventù italiana del Littorio)
• Figli della lupa, di 6-7 anni
• Balilla, da 8 a 14 anni
• Avanguardisti 15-18 anni
• GUF, Gioventù Universitaria Fascista
Anche i docenti furono allineati a questa strategia, con la formazione dell’Accademia d’Italia con l’obbiettivo di riformare l’accademia dei Lincei.

Registrati via email