Teemo92 di Teemo92
VIP 3655 punti

Durante gli anni 1992-1993 si assiste a una serie d’indagini e procedimenti giudiziari, che verrà poi chiamata mani pulite. Fu accusata la maggioranza delle forze politiche al governo. Lo sviluppo delle inchieste dimostrano che era presente una corruzione diffusa nella gestione della cose pubblica, che ha debilitato la finanza italiana. Si disse che nel 1992 si era assistito alla fine della prima repubblica e all’inizio della seconda.
Alla crisi economica si reagisce con una serie di governi tecnici che avvieranno una strategia economica per risanare i conti pubblici e permettere l’entrata dell’Italia nell’euro.
I ministri della scuola vengono confermati anche nei governi successivi: si era capito che su certe materie era necessario un continuiamo per poter attuare le riforme.
Nel 1996 il ministro Luigi Berlinguer prova ad affrontare tutti i problemi irrisolti dell’istruzione italiana. Vuole apportare modifiche all’università, dato che in pochi riuscivano a laurearsi; alla scuola secondaria di secondo grado; vuole introdurre una valutazione del merito per i docenti collegando ad essa l’erogazione di somme aggiuntive; alla durata degli studi scolastici, dato che il resto dell’Europa termina a 18 anni. L’istruzione primaria invece viene confermata nella sua struttura. Purtroppo il ministro Berlinguer fallisce. Non riesce ad avviare un programma scolastico che permetta di conseguire la maturità a 18 anni perché c’erano molte indecisioni. Fallisce nel tentativo di introdurre un premio per i docenti poiché viene bloccato da numerose proteste di strada. Anche la scuola secondaria di secondo grado non subisce modificazioni, eccetto per l’obbligo scolastico portandolo ai 15 anni di età. L’unica riforma che il ministro riesce ad attuare è quella sulle università: tutti i corsi universitari dovranno strutturarsi su un corso breve di tre anni, seguito da un corso biennale detto laurea magistrale.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email