A partire dagli anni Ottanta le politiche neoliberiste sperimentate in primo luogo nel Regno Unito di Margaret Thatcher e negli Stati Uniti di Ronald Reagan, e poi che si erano diffuse nel resto dell'Occidente, hanno un impatto profondo sulle modalità di organizzazione dei sistemi produttivi. Approfittando del minor peso delle organizzazioni sindacali e delle normative speciali varate dai governi, le imprese occidentali introducono nuove modalità di utilizzazione della forza lavoro, specie nelle fasce d'età più giovani.
Nessuna impresa assume più i propri lavoratori a tempo indeterminato, specie se sono al primo impiego. Tutte adottano invece sistemi vari che si fondano sull'idea di una utilizzazione temporanea e a basso costo della forza lavoro giovanile. I giovani sono assunti con contratti temporanei di formazione o con dei "progetti" formativi, i quali comportano che gli assunti lo siano per periodi di tempo relativamente ridotti, con retribuzioni basse, con coperture assistenziali (per malattia, infortuni, pensioni di anzianità) limitate o inesistenti. Al termine dei contratti le imprese possono decidere se lasciar cadere il rapporto di lavoro o se confermarlo in forma stabile. La maggior parte dei lavoratori assunti con questi contratti non vede confermato il rapporto di lavoro. In genere conviene alle imprese non trasformare un rapporto di lavoro temporaneo in un fisso perché questa trasformazione comporta retribuzione complessivamente più alte. Così molti giovani attraversano un lungo periodo di apprendistato prima di acquisire le competenze sufficienti a essere assunti in forma stabile da qualche impresa. Non si tratta di esperienze di lavoro o di vita agevoli: il termine che le riassume, flessibilità, vuole indicare e nobilitare in qualche modo la necessaria adattabilità dei giovani aspiranti lavoratori a frequenti cambiamenti di lavoro (e talora anche di sede di lavoro) in condizioni mai particolarmente incoraggianti.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email