Romanticismo

Tra la fine del 700 e l’inizio dell’800, si diffonde in Germania e in altri paesi europei un movimento culturale detto Romanticismo, cui contribuiscono filosofi, scrittori, musicisti, pittori e scultori. L’ arte romantica è tutto ciò che ha un'aria di inverosimile, irreale e fantastico, tutto quello che si contrappone all'arte accademica definita forzata, artificiale e priva di fantasia. Per i romantici l’arte era l’espressione del sentimento. Per essi l’opera d’arte è il frutto dell’intuito di una persona.. Il romanticismo è un sentimento che si definisce bene proprio confrontandolo il neoclassicismo. In sostanza, mentre il neoclassicismo dà importanza alla razionalità umana, il romanticismo rivaluta la sfera del sentimento , della passione ed anche della irrazionalità. L’artista romantico è attratto dalla natura, dalle tradizioni popolari, dai grandi gesti eroici , dai sentimenti impetuosi e sinceri, come l’amore e la nobiltà. Guarda molto in se stesso cercando di capire cosa dice il suo cuore. Egli infatti privilegia un’arte più vicina al cuore che alla ragione. L'arte romantica investe principalmente la pittura, per quanto abbia dato impulso ad un nuovo modo di concepire l'architettura e il restauro. I tratti essenziali del romanticismo sono:

• Innanzitutto il rapporto speciale tra l’uomo e la natura: la natura diventa l'espressione del divino in terra, di cui l'uomo non è che una passeggera manifestazione. Essa, con la sua perfezione e bellezza, stimola nell'uomo sentimenti talmente intensi da devastarlo, a volte spaventandolo, e rassegnandolo, determinando i suoi umori e le sue vicende.

• Ritorno al passato medievale: si traduce in un vero e proprio tuffo nella fede, con opere che esprimono il bisogno di riconciliare l'uomo con Dio. In pittura si è fatto largo uso di ruderismo per esprimere al meglio l'impossibilità dell'uomo. L’uomo aspira all’infinito, che in filosofia corrisponde all’idealismo. L’uomo vive una perenne tensione verso la perfezione. Però, quest’aspirazione rischia di rendere l’uomo perennemente infelice. Della pittura che ricorda il medioevo, tuttavia, spesso rimane solo il colore, le tinte fosche, le ambientazioni suggestive, la leggera inquietudine che scaturisce dalla memoria di quei secoli lontani.


• Inoltre l’uomo prova un forte amore per la patria.
La pittura romantica, nello specifico, fu in alcuni casi particolarmente legata a fatti di cronaca recente in cui erano riportati questo tipo di episodi, di morte, di sacrificio per la patria.


Il romanticismo si presenta con caratteristiche differenziate da nazione a nazione. Così risultano differenti il romanticismo inglese da quello francese, o il romanticismo italiano da quello tedesco, e così via. In Inghilterra il tema del paesaggio costituì il principale oggetto d’interesse di Turner che interpreta in modo molto personale e assai diverso la natura e il paesaggio con una visione drammatica. Nella prima metà dell’ottocento a Parigi presero forma una serie di tendenze artistiche che ebbero grande influenza sui successivi sviluppi della storia dell’arte francese. Nasce un nuovo modo di dipingere chiamati en plein air ovvero pittura all’aria aperta. Con questa tecnica si dipingevano i colori della natura , rinnovando così la pittura di paesaggio. Intanto Delacroix esalta gli ideali di libertà espressi nei moti rivoluzionari che avvennero in Europa in quegli anni. Dopo la metà dell’Ottocento, in Francia prese forma il realismo, un linguaggio artistico che si proponeva di rappresentare la realtà così come essa appare. Due furono i principali temi in cui si esprime la pittura romantica italiana. Essi sono: la pittura di storia e la pittura di paesaggio. La pittura di storia, coerentemente alla pittura Romantica europea, rappresenta sempre episodi tratti dalla storia del medioevo. La pittura di paesaggio descrive il paesaggio italiano che si presenta spesso luminoso, gradevole, accogliente. Sempre nell’ottocento in Italia, attorno al pittore Giovanni Fattori, nacque il movimento dei macchiaioli, così chiamati perché usavano accostare i colori a macchie. Essi si ispiravano ai temi del realismo francese Uno dei rappresentanti del romanticismo è Francisco Goya che può essere considerato per molte ragioni l’iniziatore artistico dell’ Ottocento. Egli coglie le caratteristiche psicologiche dei personaggi che ritraeva, nella sua passione politica e civile e nella forte protesta contro le conseguenze della guerra. A ciò si aggiungeva il suo interesse per le sperimentazioni di nuove tecniche come l’acquatinta. In Germania il massimo rappresentante della pittura romantica fu Friedrich , un artista interessato a esplorare il rapporto tra l’individuo, con la sua finitezza, e la natura infinita. la natura viene rappresentata in tutta la sua sconfinatezza, quasi a voler dare espressione al senso d'impotenza dell'uomo, essere finito, di fronte alla natura, manifestazione infinita. Non a caso l'uomo è sempre rappresentato o di spalle o in lontananza tale che non lo si possa mai guardare in faccia. Friedrich prende ispirazione dalla poesia di Leopardi. Per un animo introspettivo, sofferente, solitario la natura può essere approdo felice, come crudele matrigna, ma sempre, imprescindibile punto di riferimento. Nel 1818 F. sposò una donna di umili origini, suscitando lo stupore di amici e parenti. Partirono per il viaggio di nozze e durante quel periodo F. lavorò come non mai, fissando le idee in bozzetti, schizzi, rapidi pensieri. Celeberrimo prodotto di questo viaggio è “Il viandante sul mare di nebbia”, olio su tela. Il viandante, che giunto in vetta contempla il panorama che emerge dalla nebbia, è simbolo dell’uomo a tu per tu con una natura immensa e misteriosa. Il pittore non è interessato a rappresentare la natura realisticamente, ma più tosto a evocare situazioni suggestive ed emozionanti. In esse il tema dominante è quello della piccolezza dell’uomo di fronte alla vastità della natura. Con il diffondersi della cultura romantica che predilige la libertà individuale, chi progetta non si attiene più a un codice stilistici rigido ma va alla riscoperta del medioevo, del gotico, del romanici e dello stile rinascimentale.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email