blakman di blakman
VIP 9176 punti
Questo appunto contiene un allegato
Raffaello - Ritratti di Agnolo Doni e Maddalena Strozzi scaricato 8 volte

I ritratti di Agnolo Doni e Maddalena Strozzi

Intorno al 1506 Raffaello dipinse i ritratti di Agnolo Doni e Maddalena Strozzi. Gli sposi sono ritratti a mezzo busto, di tre quarti, con lo sguardo rivolto verso lo spettatore, sullo sfondo di una veduta di dolci colline e di un vasto cielo. Agnolo siede su una terrazza, di cui si intravede la balaustra sulla quale poggia il braccio; il viso ha lineamenti marcati e decisi, la fronte è leggermente corrucciata, il naso pronunciato, la bocca serrata. Alla forza delle linee del volto si contrappone l'andamento curvilineo del profilo delle spalle e delle braccia, che si chiudono in modo circolare verso le mani, ornate di gioielli. E' quasi l'immagine di quell'anima aspra e schietta della mercatura fiorentina che cercava con l'inizio del nuovo secolo di assumere e dimostrare al mando un nuovo galateo signorile. La posa di Maddalena è chiaramente ispirata a quella della Gioconda, ma senza quel senso di ambigua inquietudine che pervade il dipinto leonardesco: Raffaello ritrae in modo realistico la pienezza delle carni e l'imperfetta bellezza della donna, cercando però di aggraziarne i lineamenti e addolcirne lo sguardo, secondo la prassi per cui i volti femminili venivano idealizzati e raffigurati più genericamente rispetto a quelli maschili. Anche qui il pittore indugia con compiacimento sulle stoffe e sui preziosi gioielli, segno di status sociale.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email