*SaRi* di *SaRi*
Ominide 50 punti

Correggio

La sua formazione avviene dapprima in ambiente emiliano, poi a Mantova presso Mantegna e infine con la conoscenza delle opere di Leonardo (sfumato e virtuosismo prospettico) e Raffaello. La sua produzione consiste in tre cicli di affreschi, tutti a Parma:
1)la camera della Badessa nel convento di San Paolo, nella quale riprende il motivo del soffitto rappresentato come un pergolato, ripreso da Leo e Mantegna, aggiungendo nella zona inferiore delle lunette a monocromo che ricordano bassorilievi antichi;
2)la decorazione della chiesa di San Giovanni Evangelista. Importante la decorazione della cupola che rappresenta il tema dell'assunzione di Cristo dopo la resurrezione. E' caratterizzato da un grande illusionismo prospettico (come Mantegna nell'oculo), dallo scorcio delle figure degli apostoli, dalla morbidezza dei volumi e dai colori sfumati; 3)"l'Assunzione" nella cupola del duomo: anche qui il tema dello "sfondato", che simula un cielo aperto nel quale si staglia una moltitudine di personaggi. Tutti questi angeli, sistemati tra le nuvole che salgono verso il cielo a spirale, accompagnano la Vergine verso l'alto. Importanti anche le tele per la famiglia Gonzaga raffiguranti gli amori di Giove: Danae, Leda, Ganimede, Io (il corpo è molto sensuale, posa studiata, modellato morbido, rappresentazione dell'equilibrio tra spirito e corpo - assomiglia all'estasi delle sante del barocco).

Registrati via email