Ominide 32 punti

Botticelli: Nascita della Venere e Primavera

Si stabilisce a Firenze, dalla famiglia 'de Medici. Luca Paciolli scrive di lui come un artista precisa e una pittura ricca di sentimenti nei volti e nei gesti

• L'opera più famosa è la Nascita di Venere, commissionata dalla famiglia De Medici, per il palazzo della famiglia De Medici, ora però si trova negli uffizi.
Ricorda il battesimo della religione cattolica. Venere viene rappresentata come una persona che rinasce nello spirito e non nel corpo, una purificazione attraverso l'acqua.
Al centro si trova Venere, a destra viene rappresentata le ore, porgendole un telo per asciugarla,simbolo dei bei giorni di primavera(rinascità) mentre a sinistra zefiro e aura, (Venus Pudica)specialmente nella disposizione delle braccia delle spalle e del collo.
Alla venere vuole dare un significato di amore spirituale e non carnale, come succederà in tutto l'umanesimo fiorentino, ispirandosi all'amore platonico (bellezza,castità ed amore)

• La seconda opera è la Primavera, che si trova nella galleria degli uffizi, commissionata da Lorenzo De Medici, per il suo matrimonio, rappresenta anche questo un amore platonico.
Vengono rappresentatele tre grazie, un soggetto molto utilizzato sia prima che dopo. Dalle tre grazie attualmente si prende la posizione a chiasmo, specie nell'ambito della moda.
Le tre grazie ballano, una Carola, dove svolazzano i loro leggeri veli.
Al centro viene collocata venere, davanti a una pianta di mirto, pianta a lei dedicata.
Ci sono 9 figure: Venere, le tre grazie, Mercurio (tocca le nuvole), Cupido (scocca una freccia), Flora(ex-Clori), Clori(ninfa), Zefiro(rapisce Clori)
Difficile interpretarlo, forse rappresenta una bellezza senza tempo, rifacendosi alla filosofia Neo-platonica.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email