Ali Q di Ali Q
Mito 23936 punti

Francesco Borromini

Francesco Borromini nacque nel canton Ticino e fu un grande architetto dell’epoca barocca, nonché il grande antagonista di Bernini.

Proprio perché ticinese, Borromini seppe portare a Roma – dove divenne famoso - le idee artistiche d’oltralpe: le idee e lo stile architettonico luterani.

Così, se Bernini è noto come l’interprete del trionfo della chiesa cattolica, Borromini fu invece introverso nella sua arte: per lui la ricerca della verità partiva dal basso e dall’intimità (e questo spiega anche perché egli faceva spesso uso di materiali poveri per le sue costruzioni).

Nel corso della sua vita ebbe modo di lavorare sia con Maderno che con Bernini, ma la collaborazione con quest’ultimo fu sempre segnata da dissapori e rivalità, a causa delle divergenze stilistiche.

La carriera e la vita di Borromini furono piene d’amarezza e tutto ciò lo portò infine al suicidio.

Di seguito si riporta il commento e l’analisi delle sue opere più famose.

Chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane

La chiesa ed il chiostro furono costruiti dal Borromini all’inizio della sua carriera, mentre la facciata alla fine (circa trent’anni più tardi dall’inizio dei lavoro alla chiesa).

Ciò che colpisce della chiesa sono le ristrette dimensioni: tutto è infatti piccolo.
Per Borromini non è la quantità a determinare la qualità delle opere. Del resto lo spazio disponibile per la costruzione non era molto.

Chiostro
Il chiostro ha un porticato con colonne tuscaniche collegate da un architrave della doppia cornice sporgente, che funge da capitello.
Sopra vi è un loggiato.
Gli angoli sono tagliati da corpi obliqui, come se lo spazio fosse quasi premuto con forza.
La luce scende sempre meno intensa, lasciando in ombra il portico.

Chiesa
La pianta è ellittica e posta longitudinalmente, cosicché si ha al suo interno un senso di compressione anziché dilatazione.
Attorno alla pianta ellittica si alternano sporgenza e rientranze.
In alto quattro arconi preparano l’imposta della cupola, schiacciata, adornata di lacunari sempre più piccoli dal basso verso l’alto. Essi generano un movimento ansioso.

Faccita
Fu completata pochi anni prima della morte del Borromini, circa trent’anni dopo l’inizio dei lavori alla chiesa.
Essa è posta sul fianco di un angolo smussato e si stacca dall’andamento rettilineo degli edifici che le sorgono accanto.

La facciata emerge infatti da questi, e perciò ne risulta più isolata.
Tutto in essa è tensione nervosa raggiunta attraverso la flessione ed inflessione delle pareti, ricche di nicchie.
In alto vi è una cornice ovale inclinata in avanti.

Altri edifici famosi costruiti dal Borromini sono:
- Oratorio dei Filippini;
- Chiesa di Sant’Ivo alla Sapienza.

Registrati via email