annal96 di annal96
Ominide 46 punti

Il Barocco, Francesco Borromini

IL BAROCCO

Il Barocco è una tendenza artistica e letteraria che determina una profonda trasformazione della sensibilità e gusto del passato. Esso si diffonde in Italia e in Europa tra il 1600 ed il 1750, in seguito al Manierismo. La diffusione di quest’ultimo ha mosso molti artisti al desiderio di un ritorno ad un ordine classico o almeno classicheggiante. Spesso viene definito erroneamente lo stile della Controriforma, esso infatti contiene al suo interno tendenze variegate e talvolta contrastanti, quindi non si può valutare come unidirezionale. È caratterizzato da esuberanze e teatralità, da grandiosi effetti e dalla magniloquenza profusa su ogni superficie e con ogni materiale. Il rinnovamento investe tutte le manifestazioni creative, modifica il rapporto con la tradizione e ha influenza anche sulla società.

Da un punto di vista di ogni espressione artistica e letteraria, questa epoca è percorsa da una corrente classicista e in generale il linguaggio classico rimane il punto di riferimento comune degli artisti di ogni appartenenza.
La scuola che si sviluppa intorno ai Carracci (Annibale, Agostino e Ludovico), tenta di liberare l’arte dalle sue complicazioni manieristiche recuperando i principi di chiarezza, monumentalità ed equilibrio propri del primo Rinascimento. L'arte è un aspetto fondamentale nella cultura del Seicento, un'epoca che ama rappresentarsi e celebrarsi fastosamente.
Le controversie e i movimenti religiosi influenzarono profondamente l’arte barocca. I maggiori committenti sono la Chiesa, soprattutto quella cattolica (ma anche alcune chiese riformate), i sovrani, i principi e le istituzioni civili, come anche la borghesia sia attraverso l'architettura che la pittura. La fondazione delle colonie e il conseguente sviluppo di nuovi commerci indusse inoltre a descrivere numerosi luoghi e culture esotici fino ad allora sconosciuti.


Il Seicento. Un’epoca di scontri e cambiamenti


Il Barocco è fortemente influenzato dalla storia; il Seicento è un secolo di aspri conflitti e di profonde trasformazioni. Sul piano politico si assiste allo scontro tra l’Impero Spagnolo e le potenze nazionali che si affacciano sull’Atlantico, ovvero Francia, Olanda e Inghilterra. La lenta, ma inarrestabile, decadenza dell’Impero spagnolo e l’emergere della Francia come potenza egemone in Europa, non rappresenta un puro e semplice cambio della guardia, ma una trasformazione profonda del quadro geopolitico del mondo, della concezione del potere e dei rapporti tra l’individuo e l’organizzazione sociale e politica di cui fa parte. Si impone lo Stato moderno, che è assoluto e centrale e fondamentalmente laico, al contrario della forte religiosità di cui era intriso l’Impero Spagnolo. La vittoria della Francia e lo sviluppo di Inghilterra e Olanda sposta il baricentro politico del continente dal Mediterraneo all’Atlantico e dimostra la supremazia di nuovi modelli politici. Ai tumulti politici, si aggiunge una terribile crisi economica che tocca le punte massime nel 1630, diretta conseguenza delle continue e sanguinose guerre, pesanti carestie dovute alla scarsità di risorse alimentari, povertà diffusa e disastrose pestilenze che furono all’origine di lotte e rivolte popolari. Tutto ciò porta alla consapevolezza della crisi dei modelli antichi, e alla necessità di elaborare proposte innovative e vitali che si esplicano sul piano letterario e artistico nel Barocco e su quello scientifico nella Scienza Nuova di Galileo Galilei.

Le caratteristiche del Barocco

Movimento, energia e tensione sono fra le caratteristiche principali dell’arte barocca; forti contrasti di luce e ombra accentuano l’effetto drammatico di dipinti, sculture e opere architettoniche. Nei quadri, negli affreschi, nei rilievi e nelle statue barocche vi sono inoltre spesso elementi che suggeriscono una proiezione verso lo spazio circostante, indistinto e infinito, grazie anche a un’attenta resa volumetrica e prospettica. La tendenza naturalistica è un’altra componente fondamentale dell’arte barocca; le figure umane ritratte, non sono stereotipi, bensì individui, ognuno ben caratterizzato fisicamente e psicologicamente.


BIOGRAFIA

Francesco Castelli, più conosciuto come Borromini nacque nell'attuale Canton Ticino nel 1599. Si trasferì molto giovane a Milano, dove iniziò il proprio apprendistato nella grande fabbrica del Duomo di Milano, da tale periodo di formazione nacque il suo interesse per l’arte gotica. Giunto a Roma lavorò al fianco di importanti artisti dell’epoca, finché non venne affiancato a Gianlorenzo Bernini con il quale si trovò subito in contrasto e quindi fu spinto a iniziare la sua attività autonomamente con la realizzazione della chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane. Da qui inizia la sua carriera artistica segnata dalla realizzazione di importanti opere quali la chiesa di Sant’Ivo alla Sapienza ma soprattutto la trasformazione di San Giovanni in Laterano, a lui affidata da Papa Innocenzo X, della quale si occupa dal 1646 al 1657 quando il Papa decide di esonerarlo a causa di alcuni dissapori nati per la costruzione della chiesa di Sant'Agnese in piazza Navona.
Da questo momento, cominciarono anni di crisi che non terminarono nemmeno con la realizzazione del Collegio di Propaganda Fide. Borromini morì suicida a Roma nel 1667, gettandosi contro una spada.


LE OPERE

• Chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane con annesso convento e casa professa;
• Chiesa di Sant'Agnese in Agone;
• Chiesa di Sant'Ivo alla Sapienza;
• Basilica di San Giovanni in Laterano (restauro e ricostruzione parziale dell'interno);
• Palazzo Spada, rinnovo;
• Cappella Spada, nella chiesa di San Girolamo della Carità;
• Basilica di Sant'Andrea delle Fratte;
• Oratorio dei Filippini;
• Palazzo di Propaganda Fide;
• Chiesa di Santa Maria dei Sette Dolori;
• Chiesa di San Giovanni in Oleo (restauro);
• Palazzo Giustiniani;
• Palazzo Falconieri (ampliamento);
• Basilica di San Giovanni Battista dei Fiorentini (abside);
• Chiesa di Santa Lucia in Selci (restauro).

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email