Ominide 90 punti

Van Gogh, Vincent - Un uomo dai mille colori

Vincent van Gogh nacque a Groot Zundert il 30 marzo 1853 da una famiglia modesta: il padre era un rigido pastore protestante. lavorò con i minatori del Borinage ma fu allontanato dai superiori per troppo zelo. Si spostò a Bruxelles dove studiò anatomia e disegno prospettico ed entrò in contatto con Monet, Manet, Degas e altri Impressionisti. Nel 1887 iniziò l'amicizia con Gauguin, con cui andò ad abitare. Le continue liti con l'amico portarono Van Gogh a compiere un gesto autopunitivo: si tagliò parte di un orecchio. Fu più volte ricoverato in cliniche per alienati mentali e decise di trasferirsi al nord. il 27 luglio 1890 si suicidò in un campo di grano dove si recava per dipingere sparandosi al cuore. Morì due giorni dopo tra le braccia di suo fratello Theo.

Campo di grano con volo di corvi

Poco prima di suicidarsi Van Gogh aveva dipinto la sua disperazione, la sua rabbia, la sua solitudine e il suo bisogno di affetto in quello che può essere considerato il suo "testamento artistico". Campo di grano con volo di corvi è un olio su tela 50.5X100.5 cm, esposto ad Amsterdam, Rijksmuseum Vincent Van Gogh. il dipinto rappresenta una tempesta che sta per abbattersi su un campo di grano diviso in 3 viottoli, sui quali si alzano in volo grandi corvi neri, presagio di morte.
il campo di grano, dato da violente pennellate gialle, diventa cupo man mano che sii procede verso il cielo, le cui sfumature arrivano fino al nero. Solo in questo dipinto traspare tutta la violenza che mai prima Van Gogh aveva riversato su una tela, nonostante i celebri "autoritratti" fossero il frutto della terapia psichica che l'artista affrontava.

Registrati via email