blakman di blakman
VIP 9176 punti

Alberto Savinio - Il sogno del poeta


Andrea de Chirico, fratello di Giorgio, si affermò con lo pseudonimo di Alberto Savinio. Nel Sogno del poeta molti sono gli elementi di gusto metafisico. La figura del letterato, forse un autoritratto dell'artista, veste in abiti moderni; non guarda davanti a sè, ma si volge a sinistra verso una grande testa scolpita, probabile raffigurazione di Zeus. Tra l'uomo e la scultura si legge la ricerca di un dialogo anche se l'incontro non si prospetta semplice, in quanto l'una ha gli occhi serrati, l'altro privi di pupille. Alle loro spalle il pittore ha riunito mondo culturale e mondo naturale: due mobili di foggia antica, carichi di libri, il più piccolo dei quali sembra dissolversi in una nube, in corrispondenza della testa di Zeus; una casa resa in maniera molto semplificata, una montagna, sul cui sperone di roccia si eleva una torre, forse un faro per il mare scuro che si scorge appena nell'estremità sinistra del quadro. Il dipinto è caratterizzato da una cromia spenta, dominata da bruni colori terra e dalla presenza di nuvole nere nel cielo grigio. L'opera ha una forte impostazione scenica, come se fosse una rappresentazione teatrale a sipario aperto, sulla ribalta di un palcoscenico: autore di melodrammi e musiche per balletti, Savinio traspose spesso in pittura elementi caratteristici del teatro.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email