blakman di blakman
VIP 9176 punti

Henri Rousseau - Il Sogno


Nel contesto culturale delle Avanguardie parigine, l'entusiasmo per le espressioni creative primitive non occidentali, popolari e infantili, distanti cioè dal linguaggio dell'arte ufficiale e dalla dominante sensibilità borghese, fu all'origine della fortuna di Henri Rousseau. Artista geniale, egli fu il capostipite dell'arte naif (ingenua), espressione coniata e diffusa in Francia per definire un'arte spontanea e ingenua, svincolata da tecniche e modi figurativi accademici. Gli artisti naif, spesso formatisi come autodidatti, riescono a dar vita a un linguaggio autonomo e inconfondibile. In Il sogno, dipinto nel 1910, una donna nuda, sdraiata su un divano, sogna di essere trasportata in un paesaggio tropicale, al suono di un incantatore di serpenti. Nella giungla lussureggiante si vedono animali dall'aspetto fiabesco e innocuo: scimmie, uccelli esotici, un elefante, un leone e una leonessa, immobilizzati in un'atmosfera irreale, misteriosa e incantata. I colori sono nitidi e le sfumature, appena accennate entro linee di contorno pure, riflettono una luce smaltata. Manca una prospettiva geometrica e le forme, nella loro ingenuità stilistica, danno alla visione d'insieme un aspetto originale, sereno e primitivo.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email