cb.rr95 di cb.rr95
Ominide 828 punti

La nascita della fotografia

L’invenzione della fotografia si può far risalire all'anno 1837; in questo anno difatti Daguerre riuscì a fissare delle immagini su una lastra di rame argentata esposta alla luce. Dopo pochi decenni furono poi messe a punto tecniche di riproduzione sempre più sofisticate e facili da utilizzare. La fotografia divenne uno strumento straordinario di indagine,un supporto per ricerche scientifiche e documentarie. Fin dall’inizio l'arte della fotografia entrò in contatto con il mondo dell’arte: pittori come Delacroix e Courbet se ne servirono subito per la realizzazione dei loro quadri in quanto portavano con loro dei vantaggi come la fedeltà delle immagini, o ancora altre caratteristiche come il fatto di evitare lunghe osservazioni dal vero. In particolare il rapporto con la fotografia si fece più diretto con l’affermarsi del movimento imrpessionista come possiamo vedere ad esempio nell'artista Degas che riuscì a cogliere in quella che era la casualità e ancora nell’asimmetria delle immagini fotografiche lo spunto per le inquadrature così dette ‘aperte’ dei suoi dipinti. Oltre questo egli fu poi colpito dalle fotografie in sequenza di Muybridge realizzate con l’utilizzo contemporaneo di più macchine fotografiche che consentivano di documentare in sequenze ravvicinate il movimento.

Registrati via email