Ominide 191 punti

Impressionismo

Nasce in seguito al sodalizio di Renoir e Monet ai quali si aggiungono Pizarro , Degas e Sisley. E ' un movimento che viene fondato nel 1869 e dura fino allo scioglimento del gruppo nel 1886. Tale movimento è esclusivamente francese e si fonda su dei principi fondamentali :
Avversione per l'arte accademica

Disinteresse per il soggetto a favore dell'ambientazione

Orientamento verso la realta'

lavoro all'aperto , prima l'arte era rielaborazione attraverso la memoria

non c'è alcuna gerarchia di soggetto della rappresentazione

mancanza di disegno preparatorio dell'opera

realizzazione dell'opera in tempo breve

la luce è colta in un determinato punto del giorno

l'autore non arriva alla sensazione emotiva ma alla sensibilita' visiva (arte della pura visibilita')

l'immagine impressionista non è piu' la sembianza di una cosa ,ma una cosa diversa altrettanto concreta (anche un angolo della natura non bello , puo' essere reso gradevole attraverso l'accostamento dei colori , l'arte puo' rendere bello anche cio' che non lo è)

l'arte per l'arte finisce per sostituire la vita reale : l'intellettuale di fine '800 escluso dalla societa' si rifugia in mondi paralleli alla realta' , costituiti di arte , musica e pittura.

il colore ha un'importanza fondamentale poichè trasforma la realta' . Esso non ha piu' bisogno della forma . i colori usati non esistono nella realta' .

l'impressionismo non definisce gli oggetti in se ma l'atmosfera che li avvolge
l'opera è il prodotto della momentaneità , scompare il concetto del duraturo .

la mancanza di partecipazione emotiva unisce l'artista al fotografo .

l'impressionismo segue la scomparsa di ogni pensiero o ideologia

lo sguardo del pittore viene influenzato dall'inquadratura fotografica

lo sguardo fugace con cui si rappresenta il reale è indice del fluire del tempo (bergson = filosofo che riflette sulla concezione del tempo , sul relativismo del tempo , non esiste un tempo assoluto )

dunque il pittore impressionista si occupa della natura non attraverso una visione emotiva o contemplativa ma attraverso lo sguardo frenetico dell'uomo di citta' . Anche se il mondo era pieno di problematica gli autori impressionisti non se ne interessano.

Registrati via email