Ominide 187 punti

Forme uniche nella continuità dello spazio di Umberto Boccioni

Umberto Boccioni nacque a Reggio Calabria nel 1882 e morì a Verona nel 1916. È stato un pittore e scultore italiano. Fu teorico e principale esponente del movimento futurista.
Una delle sue più importanti opere è stata “Forme uniche nella continuità dello spazio” che ritroviamo anche sulla moneta da 20 centesimi.
Epoca: 1923
Materiale: bronzo
Dimensioni: 110,5 cm di altezza
Luogo di conservazione: Galleria d’Arte Contemporanea.
Località: Milano
Sappiamo che è considerata un capolavoro plastico assoluto, ma si hanno anche notizie sulla costruzione di quest’opera, come ad esempio che Boccioni la realizzò in gesso e venne fusa solo negli anni Sessanta del Novecento, inoltre nella fusione furono mantenuti per errore anche i due blocchi cubici che servivano solo a sostenere la statua durante questa fase.

In questo capolavoro possiamo vedere un uomo in movimento che prende forma da un’insieme di linee e tensioni e si muove nel vento verso un radioso avvenire.
Nel Manifesto della scultura futurista Umberto Boccioni teorizza il cosiddetto “dinamismo plastico” ovvero “la totale abolizione della linea finita e della statua chiusa” che consente l’espansione del volume nello spazio: “tutto si muove rapidamente…una figura non è mai ferma…le cose in movimento si moltiplicano”.
I volumi sono trattati attraverso forme concave e convesse che accentuano il dinamismo.
La posa del soggetto consiste nella posizione diagonale del corpo contrapposta a linee curve che imprimono il senso del movimento dinamico.

Registrati via email