Ominide 4479 punti
Questo appunto contiene un allegato
Degas, Edgar - La classe di danza del signor Perrot scaricato 2 volte

Edgar Degas

Edgar Degas, nato in una famiglia agiata viene educato dal padre che lo indirizza verso i classici, accompagnandolo nella visita ai musei e permettendogli di seguire la propria inclinazione e di abbandonare gli studi per dedicarsi al disegno. Al Louvre nel 1862, egli incontra Manet che lo sprona ad abbandonare i soggetti storici e a dedicarsi alla rappresentazione della vita moderna. Manet inoltre lo introduce nel gruppo “di Batignolles” facendolo partecipare alle riunioni serali del Caffè Guerbois, alle quali Degas da l’apporto delle sue idee, spesso in contrasto con quelle dei compagni. Le divergenze sembrano radicali: gli impressionisti usano il colore giustapposto a macchie, Degas la linea che contorna l’oggetto; gli impressionisti ritraggono il paesaggio naturale, Degas la vita cittadina più che la campagna; gli impressionisti dipingono “en plain air”, direttamente “sur le motif” invece Degas dipinge “in atelier” ovvero in studio. Però anch’egli infatti rende la realtà che lo circonda nella sua globalità spaziale e temporale. Anch’egli rappresenta la vita prediligendo la vita “artificiale” della città. Anch’egli ritiene che interpretazione dell’artista nasca non dalla descrizione minuziosa ma dalla sintesi che egli opera sulla base delle sue impressioni.

Il balletto

L’altro tema che ricorre per tutto l’arco della vita artistica di Degas è quello del balletto classico. Nei quadri dedicati alle ballerine si accentuano l’audacia del taglio, della resa spaziale e il senso si moto, come in “La classe di danza del signor Perrot”. Sembra quasi che Degas fotografi la scena, giungendo quasi ad un primo piano cinematografico. Il pittore non sembra interferire con la scena; le ballerine in primo piano lo ignorano voltandogli le spalle, altre sono intente nei loro esercizi, altre riposano e chiacchierano. Praticamente nessuno è in posa. Si uniscono qui, attimo e durata: c’è l’istantanea fotografica di un singolo momento. E si uniscono anche precisione nella riproduzione dei dettagli e pennellate ampie e sfumate. Le figure a destra e a sinistra non sono tutte all’interno della foto, alcuni stanno fuori come rappresentato dalla bambina con la gamba destra verso l’esterno. Inoltre possiamo vedere gli assi del pavimento che seguono una prospettiva ben precisa. La base di partenza di questo quadro sono degli schizzi che lui realizza dal vivo, impiegandoci 3 anni nella realizzazione completa di questa opera.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email