Ominide 4479 punti

Con Giotto si parla di rinnovamento della scrittura in quanto egli sente l'esigenza di dare profondità alle sue opere,per avvicinarsi alla realtà per informare nel modo migliore. Inizia a fare degli scorci prospettici in maniera autodidatta poichè non rispettava le proporzioni poichè ancora nessuno aveva ancora scoperto la prospettiva. Lo fa Leon Battista Alberti che agli inizi del 1400 scopre la prospettiva e la scrive in un trattato in cui da proprio le direttive. Queste regole hanno portato l'uomo a rappresentare le scene così come l'occhio le vede.
Il rinascimento consiste in due secoli: abbiamo il primo rinascimento(dal 400 al 500) e il rinascimento maturo (dal 1500 al 1600).
I corpi dei personaggi perdono rigidezza e sono rappresentati con più libertà e proporzioni. Lo spazio in cui essi vengono inseriti acquisisce un senso di tridimensionalità,infatti lo spazio è vicino a quello naturale,in cui il paesaggio e le architetture contribuiscono a dare chiarezza e profondità alla scena. I cieli di Giotto sono di un azzurro intenso e i volti dei personaggi rappresentano i volti di uomini e di donne che soffrono,gioiscono,piangono e ridono,quindi che vivono. Santa Maria del Fiore è stata fatta talmente grande che non seppero chiuderla,la lasciarono scoperchiata. Filippo Brunelleschi trovò il sistema di chiuderla.

Hai bisogno di aiuto in Medioevo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email