VIP 2446 punti

LA BASILICA DI SANT’APOLLINARE NUOVO

Sempre percorrendo via Roma si raggiunge la chiesa palatina teodoriciana, Sant’Apollinare Nuovo, una basilica a tre navate poco innovativa nella pianta, impreziosita però dai capitelli importanti di Costantinopoli.
L’originalità della chiesa risiede nella luminosità interna, garantita dalle finestre e nei mosaici, che percorrono i due lati della navata centrale.
In origine essi rappresentavano la corte di Teodorico in processione; nel 561 il vescovo Agnello distrusse il corteo originario e lo sostituì con la Processione delle sante martiri offerenti guidata dai Magi sulla parete sinistra e con il Corteo dei martiri sulla parete destra, il tutto su fondo oro; lasciò invece intatte le parti iniziali del corteo teodoriciano, che raffigurano il palazzo del re ostrogoto e il porto di Classe, e le parti finali, con le figure di Cristo e della Vergine in trono.

La zona sovrastante il fregio è dominata da figure monumentali di profeti,disposti tra le finestre,mentre il registro superiore è ancora teodoriciano e raffigura scene della Passione e della Resurrezione di Cristo, collocate con scelta inusuale in una posizione secondaria rispetto al cerimoniale della corte.
Nei mosaici teodoriciani si notano già l’abbandono della tridimensionalità e l’assenza di sfondo che anticipano l’astrazione bizantina, ma soprattutto una concentrazione del mosaico funzionale all’esaltazione dell’architettura e della luminosità dell’edificio che anticipa l’arte giustinianea.

Hai bisogno di aiuto in Medioevo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email