Ominide 1778 punti

Doriforo di Policleto

Il Doriforo risolse il problema del bilanciamento del peso e del corpo.
La statua rappresenta un uomo nudo mentre sta passeggiando, infatti una gamba è leggermente avanti e una leggermente arretrata. Ha una lunga e pesante lancia da combattimento che è appoggiata sulla spalla sinistra. La figura è colta nel momento in cui sta portando avanti la gamba sinistra, portando quindi il peso su quella destra, esprime la potenzialità del movimento più che il movimento stesso. La lancia viene impugnata dalla mano sinistra, mentre il braccio destro è disteso lungo il fianco. La disposizione delle gambe e delle braccia è studiata secondo un chiasmo, ossia una struttura a x che presenta una gamba e il suo braccio opposto tesi e l'altra gamba e l'altro braccio flessi. L'impressione di equilibrio è accresciuta dalla disposizione simmetrica dei capelli.

Il bacino è leggermente in diagonale come le spalle, anche se la loro diagonale è opposta a quella del bacino.
La testa è leggermente girata.

Discoforo di Policleto

Il discoforo di Policleto è una statua che fu eseguita attorno al 460 a.c., rappresenta un atleta che sta compiendo un gesto atletico, prima di lanciare il disco.
Sembra che egli stia cercando la posizione ideale per poi lanciare il disco, rappresenta il principio del chiasmo, da l'idea dell'atleta non tanto per il suo gesto, ma più per la sua bellezza.

Diadumeno di Policleto

Il Diadumeno di Policleto rappresenta un giovane che si allaccia la tenia, una sorta di benda che veniva segnata ai vincitori delle gare atletiche. L'atleta ha un fisico possente, presenta la gamba destra tesa e quella sinistra flessa, il bacino è in diagonale, rispetta il canone dell'epoca e esprime dinamismo.

Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email