Le città


La maggior parte delle città etrusche, sviluppatesi dagli insediamenti del periodo Villanoviano sorgevano su alture che offrivano una difesa naturale ed erano perciò facilmente difendibili. Particolarmente adatto all'insediamento di città era il paesaggio dell'Etruria Medionale. Con i suoi costoni tufacei oblunghi, ripidi da quasi tutti i lati e necessitanti solo in pochi punti di difese artificiali. I migliori esempi di simili insediamenti sono Caere, Veio, Tarquinia. Nella parte settentrionale, caratterizzata da un paesaggio diverso, le città sorgevano in cime ad una collina come Orvieto, Volterra e Perugia.
I primi insediamenti sorgono nella prima età del Ferro e si tratta di una serie di capanne che seguono ed assecondano le irregolarità del terrirorio.
Mentre invece, le città, nascono nel VI sec a.C già ordinate, su schemi ortogonali, non vincolati dal territorio. Infatti è tutta etrusca, secondo Varrone, la pratica della “limitatio”, cioè l'attività degli auruspci di ripartire il terreno, tracciando sul suolo delle linee ortogonali, dette “limites”. Questi si rifacevano all'orientamento e alla divisione del modello celeste, per ottenere uno spazio “sacro”. I confini infatti venivano segnalati da “Cippi”, come quello ritrovato a Bettona (con l'incisione “confine di Larna”), del IV – III sec a.C.. Mentre invece in corrispondenza degli incroci viari, venivano interrate delle pietre, con incisa la croce (decussis) che indicavano l'orientamento celeste, e servivano anche da riferimento per la divisione dei lotti (come il ciottolo ritrovato a Marzabotto, della seconda metà del VI sec a.C.).

Le città etrusche avevano due strade principali, il “decumanus” orientato est - ovest, e il “cardo” orientato nord – sud (come per esempio evidenti si trovano nella città di Falerii Novi). Tutto lo spazio a nord del decumano è la “pars postica”, quella a sud la “pars antica”; a sinistra del cardo c'è la “pars familiaris” a oriente, di buon auspicio, e a destra la “pars Hostilis”, cioè sfavorevole.
Accanto alle città si estendevano tutta una serie di Villaggi sparsi per la campagna che a poco a poco persero la loro funzione originaria di insediamenti abitativi e divennero fortezze, castella, oppida, destinate alla vigilanza o alla difesa dei confini. Delle 12 città dell'etruria classica solo Populonia sorgeva sul mare. Le altre grandi potenze marinare come Caere e Tarquinia sorgevano a 6 – 15 km dal mare, nell'interno protetto bel paese e disponevano di propri porti

Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email