sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

-L’Età di Adriano-

Adriano non è un conquistatore, bensì un raffinato intellettualeed un politico capace. Egli rinunzia ad alcune province lontane dell’impero per evitare di distruggerlo completamente. Adriano si concentra soprattutto sui rapporti politici con l’Oriente, specialmente con la Grecia. Adriano era anche un grande appassionato dell’arte Greca, questo porterà alla nascita di un nuovo collezionismo.Infatti nel “Ritratto di Antinoo” si può vedere che viene ripreso il canone della bellezza ideale forgiato dall’arte Greca classica.
La “Villa Adriana” fu progettata da lui stesso; gli edifici del suo complesso residenziale erano sperimentali, infatti non riproducevano le stesse strutture delle domus, ma venivano strutturati sperimentando varie innovazioni.

-Il Pantheon-

Si pensa che sia stato realizzato da Adriano; in realtà nello stesso luogo in qui è stato edificato c’era già una costruzione, simile al Pantheon, costruita da Agrippa nel I secolo e poi distrutta.

Grazie alla grande resistenza delle fondamenta, che avevano la forma di un anello, il Pantheon è giunto intatto fino ai nostri giorni. Il corpo principale (o rotonda) è di forma cilindrica, il cui muro è spesso 4 metri; lo spazio interno ha il diametro di 35 metri. Nello spessore della rotonda vi sono sette nicchie alternatamente curve e circolari, al cui interno vi sono le statue delle principali divinità. Antecedente a questa rotonda vi è il pronao che è rettilineo, quindi per unire questi due elementi è stato costruito un avancordo. L’edificio è realizzato matematicamente, il cui volume centrale è una sfera, simbolo divino per i Romani.
Per coprire questa rotonda è stata costruita una cupola, forse fu costruita in più momenti. La cupola è divisa in tre strati: il primo in calcestruzzo, il secondo in frammenti di terracotta e il terzo in tufo, in modo che il rischio di cedimento si abbassi e il baricentro sia preciso. L’esterno è ricoperto di bronzo dorato; l’oculo è sempre aperto in corrispondenza di un impluvium (contenitore dell’acqua). La luce che entra dall’oculo il 25 dicembre è diretta verso Apollo.

-Le Terme di Caracalla-

Durante la Roma imperiale le terme sono dei complessi architettonici particolari; sono dei bagni pubblici dedicati alla cura del corpo e alla palestra ereditate dai Greci.
Vi erano tre vasche termali, il calidarium (stanza per i bagni caldi), riscaldato attraverso l’ipocausto (ossia una canna fumaria che passava in prossimità della vasca), il tepidarium (stanza per i bagni tiepidi) e il frigidarium (piscina fredda). I Romani seguivano questo percorso nelle terme: laconicum (sauna), calidarium, tepidarium e frigidarium.

Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email