Basiliche a Roma


La basilica Giulia del I sec. a.C. fu edificata da Giulio Cesare e completata da Augusto, quale il rifacimento e ampliamento della basilica preesistente. Qui si trova anche la sede del tribunale. All'interno la basilica era divisa in cinque navate, infatti sul pavimento sono visibili tracce di giochi quali la dama e il filetto. Dietro alla basilica si trova il tempio costruito in onore di Augusto risalente al I sec. a.C. Di fianco alla Basilica si innalza il tempio dei Dioscuri, risalente al V secolo avanti Cristo ma poi rinnovato da Augusto. Nel tempio aveva sede l'ufficio dei pesi e delle misure. Di fronte si trova il complesso delle Vestali, formato dal circolare tempio di Vesta e dall'annessa Casa delle Vestali, entrambi già esistenti ma rinnovati da Augusto nel primo secolo a.C. (e poi nuovamente da Settimo Severo nel 191 d.C.); la casa è costituita da numerosi ambienti che si aprono sull' ampio atrio interno, decorato da statue dedicate a varie sacerdotesse. Di fianco a tale complesso Augusto ha fatto erigere un tempio dedicato a Giulio Cesare, divinizzato dopo la sua morte; a questo si aggiunse, nel 141 dopo Cristo, il tempio di Antonio e Faustina e il tempio circolare dedicato a Romolo, figlio dell'imperatore Massenzio oppure probabilmente ai Penati, costruito nel quarto secolo dopo Cristo. Il lato nord del Foro era chiuso dall'imponente Basilica Emilia, unica superstite delle basiliche di età repubblicana, fondata nel 179 avanti Cristo: questo era un ampio edificio a quattro navate, con numerose botteghe che si aprivano sulla piazza.

Registrati via email