Dopo la fondazione del porto di Ostia sotto il regno di Anco Marzio, dall' Etruria arrivò l' attacco da parte di Porsenna, re di Chiusi, ma dovette ritornare nella città poiché era minacciata dai Celti. Il conseguente conflitto fu contro la lega latina,l'alleanza di sei città tra cui Lavinio, Pomezia e Tivoli. Siluse cin la sconfitta dei latini nel 486 press il lago Regillo e viene stipulato un patto tra i latini e i romani detto "Faedus cassianum". la tattica romana era quella di stringere alleanza con nemici forti,perchè la città si sarebbe indebolita dopo un eventuale conflitto. Il patto stabiliva che Roma sarebbe entrata nella lega latina e che l' esercito sarebbe sato comandato ad anni alterni da n generale romano e uno latino. L'alleanza durò per 50 anni e la Lega si difese da numerose incursioni di Equi (popolazioni provenienti dai monti Albani) e di Volsci (popolazioni provenienti dai pressi di Velletri). Verso la fine del 5^sec. assistiamo al secondo conflitto contro Veio perché contendeva a Roma il controllo delle saline della costa (via Salaria)e delle foreste situate alla destra del Tevere: la guerra durò 10 anni e terminò nel 396 a.C. grazie alla strategia di Furio Camillo, che fece scavare cunicoli sotterranei che oltrepassavano le mura di Veio e finivano nella città. I territori etruschi conquistati diventavano "ager pubblicus" e furono assegnati ai soldati che avevano combattuto quella guerra. Inoltre Roma interruppe i collegamenti terrestri tra l' Etruria e le città campane, per indebolirne l' economia.

Registrati via email