MiCo9 di MiCo9
Erectus 1005 punti

L'oracolo di Delfi

Un ruolo importantissimo nella storia greca fu svolto da Delfi, un borgo vicino alla sponda del golfo di Corinto, dove sorgeva il santuario di Apollo. Il culto del dio Apollo era di tipo oracolare, ovvero i fedeli si recavano al tempio per interrogare il dio sul futuro. I Greci consideravano Delfi come il centro del mondo e vi veneravano una pietra che si pensava fosse caduta dal cielo. In origine Delfi era stata sede del culto della Madre Terra. Poi Apollo aveva ucciso il mostro Pitone, custode del luogo, fondando poi il suo tempio. In ricordo degli episodi gli oracoli erano tenuti dalla sacerdotessa Pizia. Essa, dopo essere entrata in trance, pronunciava responsi che si pensava fossero ispirati direttamente ad Apollo. Al santuario non si rivolgono solo ai privati cittadini, ma anche intere città che chiedevano pareri di vitale importanza. Il santuario finì per assumere un importante ruolo politico e diplomatico. Si diceva, per esempio, che la costituzione di Sparta fosse stata comunicata a Licurgo dall'oracolo, molte comunità cittadine inviavano delegazioni a Delfi prima di procedere alla scelta dei magistrati e nessuna diceva di fondare una colonia senza avere preventivamente consultato la Pizia. L'oracolo influenzava inoltre questioni riguardanti tutta la Grecia, come ad esempio i trattati di pace e d'alleanza. La sapienza delfica fu una delle forme più caratteristiche della cultura greca arcaica. A essa si ispirano anche grandi poeti come Pindaro ed Eschilo e il grande filosofo Socrate adottò come principio del suo pensiero la famosa frase Conosci te stesso che era incisa su una parete del tempio di Apollo a Delfi.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email