Sapiens 2037 punti

L'abbigliamento romano

L'abito internazionale dei Romani, con cui essi si mostravano in pubblico, era la toga, fatta di una stoffa di lana grezza e pesante, che veniva abilmente drappeggiata intorno al corpo in modo da lasciare liberi il capo e il braccio destro.Normalmente la toga era bianca(toga pura)e solo i magistrati più importanti indossavano la toga praetexta,cioè con un bordo rosso di porpora lungo tutto l'orlo inferiore.In casa però i Romani indossavano solo la tunica:una specie di lunga camicia di lana con un foro per la testa e due per le braccia.Gli schiavi indossavano una corta tunica,stretta in vita da una cintura.Le donne portavano anch'esse una lunga tunica sulla quale indossavano la stola:una specie di lungo camice,stretto in vita.Le matrone anche ampi ed eleganti mantelli,quale la palla,per mostrarsi in pubblico.Anche gli uomini portavano mantelli,come il pallium o la lacerna,soprattutto nella stagione più fredda o nelle regioni del Nord Europa.Le calzature erano identiche per entrambi i sessi:i calcei(simili ai nostri stivaletti),le soleae e i sandalia(aperti e tenuti legati da striscioline di cuoio),il soccus(specie di ciabatta)e la càliga(scarpa militare chiodata,riservata ovviamente agli uomini in armi).Molto comuni per le donne erano:anuli(anelli),fibulea(spilloni),armillae(braccialetti),monilia(collane),inaures(orecchini),sacculi(borsette),mappae(fazzolettini),flabella(ventagli) e umbracula(ombrellini).Gli uomini, soprattutto nel periodo del basso impero, portavano capelli e barba lunghi,mentre le donne sfoggiavano, nelle grandi, occasioni elaborate e ricercate acconciature.

Registrati via email