Mito 72506 punti

IL TERRITORIO, IL GOVERNO E IL SISTEMA FINANZIARIO DELL’IMPERO

Il territorio imperiale era articolato in municipia, province, diocesi e prefetture. L’amministrazione si trasferì sulle spalle della chiesa e del suo vescovo. L’Italia fu sottoposta al governo dei 2 vicari, che sovrintendevano rispettivamente le province settentrionali e quelle centromeriodionali. Roma, invece, fu soggetta al praefectus urbi. Il governo era esercitato dall’imperatore la cui sovranità era confermata, a Roma, dall’acclamazione del senato e a Bisanzio dall’incoronazione del patriarca. Gli imperatori si avvalevano di funzionari da lui stesso nominati che rimanevano in carica per un anno. I burocrati amministrativi erano ordinati gerarchicamente e svolgevano attività amm. (militia palatina), e militari, cioè i militia armata. Quest’ultima era l’insieme degli impiegati militari, dalle alte cariche fino ai soldati, pagati in natura. Le entrate furono cost.dai tributa e dai munera

Registrati via email