Mito 72506 punti

La divisione dell'impero

In Occidente la situazione economica era rovinosa ed era esposto alla pressione dei barbari. Mentre Costantinopoli esercitava le funzioni di una vera capitale, pur se di cultura ellenistica, Roma queste funzioni non le esplicava più. La decadenza economica aveva spostato i centri economici al di fuori dell’Italia, in concorrenza tra loro. Per la 1°volta nella storia dell’impero ad un conflitto armato tra le due partes imperii, conflitto del quale n’approfittarono gli Unni con delle invasioni in Oriente che furono arginate con difficoltà. Onorio morì nel 423 senza lasciar figli. Teodosio II nuovo imperatore d’Oriente (figlio d’Arcadio) nominò al posto d’Onorio la sorella Placidia col giovanissimo figlio Valentiniano III. Di questa confusione n’approfittarono i barbari, guidati da Attila. Così l’impero d’Occidente cadde letteralmente in ginocchio, e chiuse nel 476 per sempre il suo ciclo vitale. Esso rappresentò negli ultimi anni della sua vita, una gravosa palla al piede sul piano economico per l’Oriente, e il suo distacco comportò un più rapido e agevole passaggio a quella nuova formula d’organizzazione civile adeguata ai moduli ellenistici, l’impero bizantino.

Registrati via email