Ominide 50 punti

Alcuni imperatori

NERVA, i congiurati stessi che avevano assassinato Domiziano, elessero nuovo imperatore Nerva, che per ottenere l’appoggio dell’esercito, adottò il generale dell’epoca Ulpia Traiano.

TRAIANO, succedette a Nerva, senza nessun problema. Egli, nato in Spagna, fu il pri-mo imperatore di origine non italica. Traiano, ripresa la guerra contro la Dacia, sotto-mise tutta la regione oltre il Danubio: essendo questa regione ricca di miniere d’oro, Traiano, poté proseguire le campagne militari finora intraprese, e favorire una politica di lavori pubblici. Traiano conquistò anche il regno dei parti, e rese la Mesopotamia una provincia romana. Morì nel 117 d.C. dopo aver organizzato la burocrazia romana, preso dei provvedimenti a favore della piccola proprietà contadina e cancellato le tasse arre trate.

ADRIANO, nipote adottivo di Traiano, era anch’egli di origine spagnola. Adriano non intraprese nuove campagne militari, ma decise di consolidare i confini. Egli riorganizzò l’ apparato statale e la vita economica, favorì inoltre la creazione di nuove città.

ANTONINO PIO, figlio adottivo di Adriano, con cui ebbe inizio la dinastia degli Antonini. Durante il suo governo di pace, regnò la pax romana. Gli successero i figli adottivi Marco Aurelio e Lucio Vero.

MARCO AURELIO
, il suo impero fu caratterizzato dalla fine del periodo di prosperità e, l’inizio della crisi dello Stato. I romani dovettero scontrarsi con i germani ed i parti, che stava assalendo i confini. Anche se l’esercito romano vinse, si diffuse tra i soldati la peste bubbonica, che dilagandosi in tutto l’impero, causò più morti della guerra.

COMMODO, figlio diciannovenne di Marco Aurelio, finisce il principato per adozione. Comodo, al contrario del padre, accentuò i tratti popolareschi, inoltre acquistò la simpatia del popolo, ma non quella del senato e dell’esercito. Egli sperperò denaro pubblico organizzando feste e spettacoli. Per sfuggire alle congiure, mise a morte moltissimi aristocratici. Nel 192 d.C. venne ucciso da un complotto.

Registrati via email