GRECIA

Conflitti sociali ed evoluzione della polis

-La pòlis arcaica e il potere aristocratico

Nelle pòlis maturo’ la concezione della politca; questa era basata su tre principi fondamentali:

1) Autonomia: l’autonomia della pòlis rispetto all’esterno e dei cittadini all’interno della polis.

2) Isonomia: uguaglianza di tutti i cittadini davanti dalla legge.

3) Cittadinanza: insieme di diritti e doveri dei cittadini.


-Opliti,legislatori e tiranni

Nella pòlis arcaia il potere era in mano all’aristocrazia.

A partire dal VII secolo a.C. il troppo potere dell’aristocrazia provoco’ crescenti tensioni e conflitti con il popolo ( démos ) che era escluso dal potere.

Questa situazione cambio con tre eventi principali:

• La riforma oplitica che permise anche alle persone non aristocratiche cioe’ il popolo di andare in guerra.

• Le legislazioni scritte che erano certe e di pubblico dominio (sembra una cosa scontata ma non lo e’ perche prima c’erano leggi tramandate oralmente quindi non verificabili e di dubbia provenienza).

• Le tirannidi in cui un individuo poteva riuscire a prendere il potere assoluto sulla citta’ approfittando dei conflitti tra il popolo e l’aristocrazia.
Il risultato di questi cambiamenti e’ l’indebolimento del potere dell’ aristocrazia:

la guerra era un monopolio degli aristocratici e gli fu tolta dalla riforma oplitica;le leggi scritte sottrassero il libero arbitrio nobiliare e la discutibile interpretazione delle norme;le tirannidi per ottenere il consenso del popolo avevano spesso una politica favorevole per esso.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email