Sapiens 2037 punti

Fabio Pittore

Fabio Pittore fu un senatore appartenente ad una famiglia di antichissima nobiltà, i Fabii. Nel 216, momento di massima crisi della seconda guerra punica,fu inviato a Delfi dal senato per consultare l'oracolo sul da farsi. Dopo ciò le fonti su di lui tacciono. Non sappiamo neanche quando abbia pubblicato la sua opera storica. Quest'ultima andava dalla storia leggendaria di Roma,alla seconda guerra punica. La scelta del greco come lingua,la possiamo spiegare ipotizzando diversi punti:
- ragione di carattere politico
- per essere rivolta non solo a Roma ma a tutto il mondo straniero

- per accostarsi ai nuovi metodi della storiografia ellenistica
Sappiamo ch'egli attribuiva la causa dello scoppio della seconda guerra punica ad Annibale,che avrebbe attaccato Segunto di propria iniziativa e contro il senato(Cartaginese). In tutto ciò, Fabio si impegnava in un'indagine delle cause,o comunque rifletteva sull'origine dei fatti.Dava molta importanza ed attenzione alla cronologia e alle cifre.La sua narrazione includeva anche ricordi autobiografici,detti,personaggi illustri,prodigi e sogni profetici. La sua appartenenza al ceto dell'aristocrazia romana conservò saldamente la storiografia.L'impronta filopatrizia della ricostruzione della storia arcaica di Roma è dovuta anche a Fabio Pittore.

Registrati via email