La peculiarità di una città non consiste in una semplice differenza quantitativa rispetto al villaggio (ossia nel fatto che essa contiene una maggior numero di abitanti), bens^ nelle sue caratteristiche strutturali.
Si può definire città il centro di riferimento di una regione. Le campagne circostanti, infatti, dipendono da essa, cosicché si crea un rapporto di interdipendenza tra città e campagna: la campagna produce beni che servono ad alimentare la città; quest'ultima assicura alla prima una difesa, sino ad accoglierne la popolazione tra le sue mura in caso di pericolo, ed è un centro di scambio, dove si concentrano attività come il commercio. Infine, fatto importantissimo, la città è la sede del potere politico e di quello religioso.

Differenze tra città e villaggio

Il villaggio era soprattutto un centro di produzione e di consumo (vicino a esso sorgevano infatti i campi da coltivare, i pascoli per l'allevamento, zone boschive per la caccia e la raccolta del legno), in cui la divisione del lavoro era solo ai suoi inizi. Al contrario, la città consuma ciò che la campagna produce e presuppone un'accentuata divisione del lavoro che essa stessa sviluppa.

Soltanto in epoca successiva rispetto alla nascita di agglomerati urbani come Gerico e Catal Huyuk possiamo dunque parlare di nascita e crescita di vere e proprie città.

Registrati via email