Ester di Ester
Habilis 1800 punti

La socializzazione

• A differenza dei piccoli di altri “animali„, i neonati devono apprendere quelli che saranno i loro modelli di comportamento.
Ciò si realizza attraverso il compresso processo della Socializzazione, cioè quel processo di interazione sociale attraverso il quale gli individui acquistano la loro personalità ed apprendono i modelli di comportamento della società.
• Si può quindi considerare come il vincolo tra individuo e società, tanto importante che senza di esso non sopravvivrebbero né l’uno né l’altra.
• Attraverso la socializzazione l’individuo apprende le norme, i valori, il linguaggio, le abilità, le credenze e gli altri modelli di pensiero e di azione che sono essenziali alla vita sociale.
• Uno dei risultati più importanti della socializzazione è la personalità dell’individuo. Nell’uso sociologico, questo termine indica il complesso abbastanza stabile dei modelli di pensiero, di sentimenti e di azioni tipico di un individuo.

La personalità comprende, quindi, tre aspetti principali:
1. componete cognitiva: capacità intellettuali, quali il pensare, credere, percepire, memorizzare, ecc.
2. componente emotiva: sentimenti.
3. componente comportamentale: attitudini, competenze ed altre abilità.
In ogni società esistono tratte della personalità caratteristici, modelli che sono il prodotto di una comune esperienza di socializzazione in una specifica cultura. Ma all’interno di ogni società ciascuna persona è diversa, perché diversa è la sua socializzazione. Non solo conosciamo e viviamo in una società, ma anche in uno specifico settore di essa, quindi siamo influenzati dalle subculture specifiche della nostra famiglia, dei nostri amici, della nostra classe sociale, della nostra religione, etnia, ecc.
Poiché in questi contesti nuove e specifiche esperienze si mescolano continuamente con le vecchie esperienze, ne risulta che la personalità di ogni individuo costituisce qualcosa di unico.
Si può quindi dire che il processo di socializzazione aiuta a spiegare sia le somiglianze che in generale si riscontrano nella personalità e nel comportamento sociale all’interno di una società, sia le molte differenze che esistono tra una persona e l’altra.
• La socializzazione è un processo che si protrae per tutta la vita poiché si incontrano continuamente condizioni nuove e mutevoli e dobbiamo imparare ad adattarci ad esse.
Comunque, la fase più importante della socializzazione si compie durante l’infanzia e la prima giovinezza, quando vengono poste le fondamenta di quella che sarà poi la personalità dell’adulto.
• Quanto più complessa è la struttura sociale di una società e più rapido il ritmo del suo cambiamento sociale, tanto più intenso e vario è il processo di socializzazione in atto.
Può essere distinta in cinque diversi tipi:
1.socializzazione primaria: è quella che si realizza nei primi anni di vita. Si basa sull’insegnamento del linguaggio e delle altre abilità cognitive, sull’interiorizzazione delle norme e dei valori culturali, sullo stabilirsi di legami emotivi e sulla valutazione dei ruoli e delle prospettive degli altri.
2.Socializzazione anticipatoria: è diretto prevalentemente ai futuri ruoli di una persona. Buona parte della soc. scolastica non fa che anticipare i ruoli occupazionali. I programmi di addestramento si propongono finalità dello stesso tipo.
3.Socializzazione nello sviluppo: è un tipo di apprendimento che poggia sulle realizzazione della socializzazione primaria e si sviluppa su abilità e conoscenze già acquisite, quando gli adulti passano da una situazione all’altra che comporta aspettative, obblighi e ruoli nuovi. Il nuovo apprendimento si aggiunge e si mescola con quello preesistente in un processo di sviluppo continuo relativamente armonioso.
4.Socializzazione alla rovescia: si verifica quando è la nuova generazione a trasmettere conoscenze culturali ai più anziani. Nelle società tradizionali, la soc. alla rovescia è rara, ma nelle società eterogenee moderne capita di frequente (es. famiglie di immigrati). In tempi di cambiamento sociale rapido, larga parte delle conoscenze dei più anziani diventano obsolete, mentre i giovani possono avere informazioni più importanti su alcuni aspetti del mondo.
5.Risocializzazione: comporta una brusca rottura con il passato e l’interiorizzazione di norme e di valori radicalmente diversi. Si realizza spesso quando le persone si trovano parzialmente o completamente isolate dal loro ambiente precedente [es. delle “istituzioni totali„, come i corsi di addestramento prolungati, navi da guerra, prigioni, collegi, ecc.]. In tutti questi casi esiste una forte pressione a conformarsi a valori e norme spesso diversi da quelli del mondo “fuori„.

Registrati via email