Erectus 2101 punti

Merton sottolinea la presenza di gruppi di interesse nelle società che alcuni possono trovare utile altri dannosi e per ultimo si distacca dalla teoria dell’azione sociale di Parsons, secondo cui ogni individuo agisce razionalmente, Marteon infatti ritiene che gli ultimi nono agiscano sempre coscientemente, perciò fa una distinzione tra funzioni manifeste(consapevoli) e funzioni Latenti(inconsapevoli). In merito a queste riflessioni Merton Individua i due gruppi principali con cui si rapporto gli individui:
- Gruppo di Appartenenza, gruppo che fa parte della sua vita;
- Gruppo di riferimento, A cui fa riferimento riguardo idee e valori.
Lo scarto tra i due gruppi causa Frustrazione. Merton parla di “Anomia”, dando ad esse un nuovo significato rispetto a Durkheihm, e le indica come discontinuità tra scopi culturali e mezzi per raggiungerli. Gli individui di conseguenza mettono in Atto strategie di Adattamento:
- Adattamento conformistico, si verifica quando si raggiunge un obiettivo con l’ausilio di mezzi legittimi (es. lavoratore- promozione / studente- buona media)

- Adattamento innovativo, si raggiungono obiettivi rifiutando mezzi legittimi e optando per vie alternative.
- Adattamento ritualistico, tipico di ch pur rinunciando ad un obiettivo si comporta come se non lo avesse fatto.
- Adattamento da rinuncia rifiuto sia degli scopi che dei mezzi per raggiungerli.
- Adattamento per ribellione, rifiuto di scopi e mete, sostituendo ad essi altri scopi e altre mete “innovative” come ad esempio negli anni ’70 i Sessantottini.
-Eredità del funzionalismo
L’analisi della società sulla base del modello funzionalista permette di analizzare tre tematiche principali:
- Norme che regolano il comportamento sociale,
- Ruoli che occupano gli individui
- Processo di socializzazione attraverso l’interiorizzazione di modelli e valori .
Nonostante ciò il funzionalismo genera il risultato di un modello apparentemente troppo astratto, che genera tra l’altro anche problemi non risolti esempio , i quattro imperativi ecc.
Dagli anni ’80 del novecento alcuni sociologi tra cui Jeffrey Alexander e N. Lumann hanno ripreso in esame la teoria funzionalista , cercando di attualizzarla, dando vita alla corrente neo-funzionalista.

Registrati via email